Catanzaro: funicolare, pressing di Granato (M5S) su Abramo, "intervenga subito per riattivare il ser

560
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO 3 GENNAIO - «Il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, dica quando e come potrà ripar...

CATANZARO 3 GENNAIO - «Il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, dica quando e come potrà ripartire la funicolare della città, strategica per il trasporto di migliaia di catanzaresi e per la riduzione dell'inquinamento e del traffico». Lo afferma, in una nota, la senatrice M5s Bianca Laura Granato, segretaria della commissione Istruzione pubblica e Beni culturali, che prosegue: «L'impianto è ormai fermo da più mesi per la prevista revisione periodica. Tuttavia ancora non si vede alcun intervento e non si hanno notizie certe e complete circa i relativi problemi burocratici e tecnici, come pure sui tempi di riattivazione. Non vorremmo attendere qualche decennio, come avvenuto l’ultima volta». «Che cosa succederà – incalza la senatrice 5stelle – con il nuovo piano di mobilità, quando scatterà il sistema integrato con il Pendolo, con tutti i percorsi meccanizzati che verranno riattivati nel quartiere Sala? Se per la funicolare siamo al vecchio problema della sostenibilità dei costi di gestione, che cosa ci attende in futuro? Intanto il trasporto su gomma è sempre più inefficiente, con corse incerte e fermate con pannelli muti.

Purtroppo siamo alle solite: a proposito dello sviluppo della città manca una pianificazione seria e obiettiva con una strategia efficace ed economicamente sostenibile. Abramo – continua l'esponente 5stelle – dovrebbe affrettarsi a intervenire già da domani sul piano politico, affinché la funicolare possa di nuovo funzionare al più presto, come è giusto che sia, evitando ulteriori lungaggini». «Catanzaro – conclude Granato – ha bisogno di risposte rapide, intanto per salvaguardare e potenziare i servizi esistenti. Mi aspetto, in merito al futuro della funicolare, che Abramo dia puntuali chiarimenti e rassicurazioni alla comunità locale, di cui resto in attesa».

InfoOggi.it Il diritto di sapere