Di Maio su Facebook: "Abbiamo tutelato i risparmiatori di Carige"

126
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA , 9 GENNAIO- È un Luigi Di Maio raffreddato quello che si è presentato pochi minuti fa i...

ROMA , 9 GENNAIO- È un Luigi Di Maio raffreddato quello che si è presentato pochi minuti fa in diretta Facebook. Il capo politico dei 5 Stelle ha voluto fugare i dubbi e ha chiarito la vicenda Carige, su cui in queste ore è montata una polemica. Di Maio ha spiegato che il Decreto Carige messo a punto lunedi, ha salvato i risparmi dei cittadini, che nulla ha a che vedere con Banca Etruria. Ecco di seguito le dichiarazioni del vicepremier, nonchè Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro:

"Voglio subito spiegare ai cittadini che il decreto Carige ha salvato i risparmi dei cittadini e che non faremo favori a nessuno, perché pubblicheremo i nomi e cognomi dei debitori. Sono sicuro che ci saranno delle sorprese, perché magari molti debitori saranno legati alla politica. Faremo un'operazione di trasparenza, ma voglio ribadire che al momento il Governo non ci ha rimesso un solo euro e che se servisse il nostro contributo, anche se mi auguro di no, spingeremo per nazionalizzare la banca. Noi vogliamo che le banche prestino i soldi ai cittadini, alle famiglie, alle imprese, dei mutui più favorevoli per i giovani". 

Il vicepremier ha poi attaccato: "Leggo su molti giornali che noi avremmo fatto lo stesso degli altri Governi, ma in realtà le associazioni dei truffati ci dicono che abbiamo fatto bene a dare una garanzia. Non vedo in strada gente che protesta contro il Governo, ma nemmeno gente che ha perso tutto, come invece è avvenuto in passato. Non vedo nemmeno conflitti di interessi, perché in questo caso non ci sono padri e fratelli di qualcuno nella banca. Sarà un anno bello questo, in cui stiamo lavorando anche alla formazione di un gruppo parlamentare europeo. Vogliamo essere l'ago della bilancia nel Parlamento Europeo, vogliamo andare lí a cambiare le regole bancarie, possiamo farcela".

InfoOggi.it Il diritto di sapere