L'Italia non sa approfittare del boom europeo del turismo

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 4 AGOSTO 2108 - Nonostante si parli di momento favorevole del turismo in Italia, il nost...

 ROMA, 4 AGOSTO 2108 - Nonostante si parli di momento favorevole del turismo in Italia, il nostro Paese non è riuscito a divenire protagonista di quello che a livello europeo è stato un vero e proprio boom.

I dati evidenziano infatti che gli arrivi internazionali nell’anno passato ( 2017) sono aumentati nel nostro Paese del 3,5 per cento. Ottimo, ma solo diecreto risultato se si considera che in Portogallo, Grecia, Spagna, l’aumento è stato intorno al 10%. In Europa, la media è di un incremento di oltre l’otto per cento. Il turismo europeo ha ottimi numeri per ragioni che non dipendono tutte da meriti propri. Va infatti considerata la fuga di molti turisti da destinazioni quali l’intera sponda sud del Mediterraneo. Inoltre, sta pesando positivamente lo sviluppo turistico in uscita di Paese quali la Cina e l’India.

La mancanza di strategie nazionali adeguate è a ben vedere uno degli aspetti più critici, riguardo all' l’Italia. Il problema non riguardasono tanto i soldi a disposizione per fare investimenti. La questione è, piuttosto, come i soldi vengono utilizzati Non sono tante le regioni italiane  in grado di offrirsi sul mercato in modo efficace; ogni territorio ha cercato una propria strada, sovente improvvisando.MORE]

In tutta la confusione strategica che si è generata progressivamente nella nostra nazione,  chi ha perso alla fine è stato il sistema in generale, ovvero la capacità competitiva sui mercati mondiali.

Eppure l’Italia ben potrebbe attrarre visitatori tutto l’anno, grazie al suo vario e ampio patrimonio artistico e naturalistico. Un patrimonio che perà di sovente  non è valorizzato a sufficienza. Tale circostanza negativa è stata di recente confermata dalla “Lista rossa” dei luoghi storici a rischio compilata dall’associazione Italia Nostra. Non pochi castelli, borghi medievali, siti archeologici,  lasciati nell’incuria, sarebbero in grado di richiamare  viaggiatori da tutto il mondo, se adeguatamente riportati a nuovo splendore, valorizzati, pubblicizzati. 

testo e foto di RAFFAELE BASILE 
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere