Piemonte: si profilano 30.000 licenziamenti a metà 2015

22
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 10 dicembre - La crisi non sembra allentare la sua morsa sull'economia piemontese. Le ...

 TORINO, 10 dicembre - La crisi non sembra allentare la sua morsa sull'economia piemontese. Le dichiarazioni congiunte di Alberto Tomasso,  segretario generale della CGIL Piemonte e di Gianni Cortese, segretario generale della UIL Piemonte, riferiscono che in piemonte ci verificheranno 30.000 licenziamenti entro giugno 2015, con la progressiva fine della cassa integrazione straordinaria e di quella in deroga.

Dal 2007, ultimo anno prima dell'inizio della crisi, in Piemonte ci è stato un aumento del 230% della disoccupazione e del 356% della cassa integrazione. Secondo i due esponenti sindacali la situazione è drammatica.

Luca Bruno

 

foto: Giornale La Voce

InfoOggi.it Il diritto di sapere