FORENSICS MEETING. Lecce, 28-29-30 settembre 2012

42
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LECCE, 25 SETTEMBRE 2012- INTERNATIONAL CRIME ANALYSIS ASSOCIATION – WWW.CRIMINOLOGIA.ORG FOR...

LECCE, 25 SETTEMBRE 2012- INTERNATIONAL CRIME ANALYSIS ASSOCIATION – WWW.CRIMINOLOGIA.ORG
FORENSICS MEETING. Lecce, 28-29-30 settembre 2012. Grand Hotel di Lecce, viale Oronzo Quarta 28
Programma dell’evento
Venerdì 28 settembre, ore 14.00: registrazione partecipanti
14.30-17.30: seminario tecnico “crime scene investigation: la rilevazione, il repertamento e la
comparazione delle impronte digitali”. Le impronte digitali rappresentano ancora una fonte di prova
determinante nelle indagini criminali. I sistemi di rilevamento delle impronte hanno avuto una notevole
evoluzione. Nel corso del seminario, di taglio pratico, verrà ricostruita una scena del crimine violento e
verranno utilizzati e spiegati gli strumenti principali per l’evidenziazione delle impronte su diverse
superfici e con diverse condizioni climatiche e ambientali. Docenti Dr. Marco Strano (UGL Polizia di
Stato), Dr. Gianluca Venneri, esperto crime scene investigation (ICAA Puglia). Al termine del seminario
verrà rilasciato un attestato di partecipazione ICAA in Dattiloscopia.
17.30-18.00: coffee break
18.00-20.00: seminario tecnico sul criminal profiling. La realizzazione di un profilo nei casi di crimine
con autore sconosciuto rappresenta un’attività complessa e a volte controversa della Psicologia Forense.
Il seminario è proposto sotto forma di “laboratorio” dove i partecipanti potranno interagire nell’analisi dei
casi reali e fornendo il loro contributo sotto la guida di esperti. Docente il Dr. Marco Strano, Psicologo
forense (ICAA Lazio), Al termine del seminario verrà rilasciato un attestato di partecipazione ICAA in
Criminal Profiling.
Sabato 29 settembre
9.00-13.00: seminario tecnico sulle “indagini in caso di crimine commesso con incendi ed esplosivi”.
L’utilizzo del fuoco per distruggere dolosamente o per cancellare tracce del crimine commesso e l’utilizzo
di esplosivo rappresentano un settore di indagini forensi specialistico. Il recente attentato a Brindisi con
l’utilizzo di bombole di gas ha diffuso anche a livello mediatico tale problematica. Il seminario, di taglio
prevalentemente pratico, prevede la ricostruzione di alcune scene del crimine e la rilevazione di tracce
utili. Docente il Dr. Danilo Coppe, esplosivista forense (IRE e ICAA Emilia Romagna). Al termine del
seminario verrà rilasciato un attestato di partecipazione ICAA in fire&blast investigation.
13.00-15.00: pausa pranzo
15.00-18.00: seminario tecnico: “il ruolo della Biologia forense nell’investigazione criminale”. Il
seminario, di taglio prevalentemente pratico, prevede la ricostruzione di una scena del crimine e la
simulazione di individuazione e repertamento di tracce biologiche. Verranno mostrate e spiegate le
tecniche per l’individuazione di tracce di sangue e di altri elementi biologici potenzialmente collegati con
l’evento criminale. Docente il Gen. Luciano Garofano, Biologo forense (Presidente ACISF). Al termine
del seminario verrà rilasciato un attestato di partecipazione ICAA in Biologia Forense.
18.00-19.00: coffee break
19.00-21.00: “crime café”, talk show criminologico con Luciano Garofano e Marco Strano, con
discussione su alcuni dei recenti fatti di cronaca nera. Il pubblico potrà interagire con i due noti
personaggi televisivi, ponendo le domande che nel corso di trasmissioni televisive sono rimaste senza
risposta.
Domenica 30 settembre
9.00-12.00: seminario tecnico: “le tracce di un delitto sul terreno e nel sottosuolo”. Il seminario, di
taglio prevalentemente pratico, prevede la ricostruzione di una scena del crimine e la simulazione di
individuazione e repertamento di tracce di scarpa e di terra. Verranno inoltre mostrate e spiegate le
tecniche per l’individuazione di elementi sepolti potenzialmente collegati con l’evento criminale. Docente il
Dott. Andrea Nava, Geologo forense (ICAA Lombardia).


(notizia segnalata da giovanni d'agata)

InfoOggi.it Il diritto di sapere