'Ndrangheta: Caruso, ad azienda dobbiamo 'succhiare la minna'

1827
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BOLOGNA, 25 GIUGNO - "Io con Salvatore gli parlo chiaro, gli dico... Salvatò, non la dobbiamo ...

BOLOGNA, 25 GIUGNO - "Io con Salvatore gli parlo chiaro, gli dico... Salvatò, non la dobbiamo affogare sta azienda, dobbiamo cercare di pigliare la minna e succhiare o no?". Così si esprimeva Giuseppe Caruso, presidente del consiglio comunale di Piacenza, intercettato nel 2015 dagli investigatori coordinati dalla Dda di Bologna mentre parlava con il fratello Albino, anche lui arrestato.

Secondo il Gip Alberto Ziroldi, che ha per lui disposto la custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa, Caruso con quelle parole stava "illustrando in modo assolutamente genuino quale fosse il reale intento e scopo dell'organizzazione criminale nell'aiutare la società Riso Roncaia Spa". In un altro passaggio dell'ordinanza, il giudice sottolinea come i fratelli Caruso abbiano fornito "in più occasioni la confessione stragiudiziale della loro appartenenza al sodalizio criminoso, comportandosi di conseguenza".

Segue aggiornamento 

InfoOggi.it Il diritto di sapere