Oasi delle Cesine, bruciati oltre 50 ettari di vegetazione mediterranea

357
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LECCE, 1 OTTOBRE - Sono 50 gli ettari di territorio coperto di vegetazione mediterranea sulla costa ...

LECCE, 1 OTTOBRE - Sono 50 gli ettari di territorio coperto di vegetazione mediterranea sulla costa adriatica, a ridosso dell'oasi naturalistica WWF,  delle "Cesine", tra San Cataldo (LE) e il litorale di Vernole (LE) distrutti da un vasto incendio scoppiato ieri. 

Ancora stamattina, le fiamme, tengono impegnate13 squadre dei vigili del fuoco oltre a personale dell'Arif, Protezione civile e Forestale, nelle operazioni di bonifica.

Il rogo, sulle cui cause sono in corso gli accertamenti delle autorità inquirenti, è stato domato anche grazie all'impiego di aerei antincendio, ha distrutto vaste aree di pineta e bosco e, lambito  lidi, case e strutture ricettive.  Non si segnalano comunque danni a persone.

"É difficile che una tale devastazione possa avere cause naturali", ha dichiarato Giuseppe Bennardo, comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Lecce. "Sono intervenuti quattro aerei, due fire boss e due canadair. Solo la massima capacità operativa da parte di tutti” - aggiunge il comandante - ha permesso di evitare l'interessamento dell'oasi delle Cesine".

Le fiamme sospinte dal vento di Tramontana, si sono propagate fino a toccare  la litoranea, adiacente la pineta  del parco Manà e in direzione di un lido balneare dirigendosi successivamente, verso le campagne di Acquarica di Lecce, dove ci sono diverse abitazioni.

Luigi Palumbo

InfoOggi.it Il diritto di sapere