Serie A: la Juve frena a Crotone, il Napoli accorcia e si porta a - 4

30
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CROTONE, 19 APRILE - Massimiliano Allegri aveva avvisato che sarebbe stato un turno infrasettimanale...

CROTONE, 19 APRILE - Massimiliano Allegri aveva avvisato che sarebbe stato un turno infrasettimanale delicato e fondamentale per arrivare nel modo giusto alla supersfida di domenica sera allo Stadium. La Juventus doveva mantenere i sei punti di vantaggio sul Napoli, in attesa di riceverlo in casa nello scontro diretto, mentre gli uomini di Sarri erano obbligati a vincere per tenere il passo della capolista. E ai partenopei la quattordicesima di ritorno ha sorriso come non si sarebbero mai aspettati: Juve frenata sull’1-1 in casa del Crotone, azzurri vittoriosi – ma con grandi difficoltà – per 4-2 sull’Udinese al San Paolo e a – 4 dai bianconeri, con la possibilità di accorciare ulteriormente il distacco in caso di vittoria a Torino. 

Allegri, nel post partita, prova a nascondere l’amarezza: "Un mese e mezzo fa ci avrei messo la firma se mi avessero detto che sarei arrivato allo scontro diretto contro il Napoli con 4 punti di vantaggio: domenica sarà sicuramente una bella sfida". Ma il tecnico della Juve precisa: “Non firmerei per un pareggio: dobbiamo giocare per ottenere il massimo, vincendo faremmo un grande salto in avanti”. E sulla deludente Juve vista all’Ezio Scida dice: “Abbiamo approcciato benissimo, con i primi 20-25 minuti di grande livello, seguiti da 10 di vuoto. Siamo tornati dentro la partita e poi a inizio ripresa altri 10 minuti di vuoto, prima di un finale di livello straordinario. Siamo dispiaciuti”.

Di motivi per sorridere ne ha invece certamente di più Sarri, che probabilmente non si aspettava un regalo del genere dalla partita di Crotone. Archiviato il 4-2 sull’Udinese (con i friulani due volte in vantaggio e per due volte recuperati dal Napoli), il tecnico toscano si proietta già al big match di domenica sera: “La nostra è una squadra che cerca di imporre il proprio gioco e lo faremo anche a Torino. Ma non sarà facile: la Juventus nella completezza della sua rosa è la squadra più forte d'Europa. Sarà fondamentale la fase difensiva".

Claudio Canzone

Fonte foto: gazzetta.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere