• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Spiagge d'autore, Terza settimana con Carofiglio e Bacalov

Puglia

Luis Bacalov e Francesco Carofiglio inaugurano la terza settimana di “Spiagge d’Autore”, il festival itinerante delle letteratura della Regione Puglia – ideato da Confcommercio Puglia, unitamente al Sindacato italiano balneari (SIB) e all’Associazione librai italiani (ALI). [MORE]

Mercoledì 20 luglio il compositore, direttore d’orchestra e pianista argentino Bacalov terrà una conversazione su musica e cinema con il regista Cosimo Damiano Damato (consulente artistico del festival) e la giornalista Rossella Diaco di Radio1 Rai, al lido Moby Dick di Margherita di Savoia, ore 17.

 

Mentre lo scrittore Francesco Carofiglio insieme all’attrice Mia Benedetta presenta il suo ultimo lavoro dal titolo “Radiopirata”, ore 20.30 al lido Il Brigantino di Barletta. Interviene Ines Pierucci.

 


Carofiglio sarà protagonista di altri due incontri di Spiagge d’Autore: il 22 luglio, ore 18.30, alla Lega Navale di Trani con la giornalista Maria Grazia Rongo (Gazzetta del Mezzogiorno) e il 23 luglio, ore 17, al lido Sabbiadoro di Capitolo (Monopoli) con Corrado Minervini di Controradio.
 

 

 

MERCOLEDì 20 LUGLIO
Luis Bacalov
Conversazione con Rossella Diaco e Cosimo Damiano Damato
Lido Moby Dick, Margherita di Savoia (Bat) – ore 17

Indimenticabile la sua colonna sonora per il film “Il Postino” con cui nel 1995 si è aggiudicato l’Oscar.

 Luis Bacalov sarà ospite d’eccezione della kermesse letteraria “Spiagge d’Autore”.
La sua attività di compositore per il cinema è iniziata negli anni Sessanta sotto lo pseudonimo di Luis Enríquez. Nel corso della sua carriera Bacalov ha collaborato con numerosi registi, tra i quali Pier Paolo Pasolini, Damiano Damiani, Ettore Scola, Fernando Di Leo, Franco Giraldi. Tra gli innumerevoli film per i quali ha composto la colonna sonora ricordiamo: “La noia” (1963, di D. Damiani); “La congiuntura” (1964, di E. Scola); “Il Vangelo secondo Matteo” (1965, di P.P. Pasolini: scelta delle musiche); Una vergine per il principe (1965, di P. Festa - Campanile); “Una questione d'onore” (1966, di L. Zampa); “Una rosa per tutti” (1966, di F. Rossi); “Quién sabe?” (1966, di D. Damiani: supervisione di Ennio Morricone); “A ciascuno il suo” (1967, di E. Petn, buon uso del pianoforte in funzione accanitamente ritmica); “Milano calibro 9” (1972, di F. Di Leo: fitto dialogo degli strumenti su sostenuti ritmi di base).

 

Nel 1962 inizia la collaborazione con Gianni Morandi, per il quale scrive la musica di "Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte" e, l'anno dopo, di "Ho chiuso le finestre". Il nome di Bacalov raggiunge una vera popolarità soltanto quando Federico Fellini affida a questo musicista il commento di “La città delle donne” (1980), privo come si trova della fida presenza di Nino Rota, deceduto alla fine del 1978. Parte del tema della colonna sonora scritta da Bacalov per lo spaghetti-western “Il grande duello” è stato utilizzato da Quentin Tarantino nel film “Kill Bill”. Nello stesso film figurano musiche di Ennio Morricone, con il quale ha collaborato. Nel 1998 aiutò Fabrizio de André a cantare una delle sue canzoni (Smisurata Preghiera, dall'album "Anime Salve") in lingua sudamericana col titolo di Desmedida Plegaria, inserita poi nel film "Ilona arriva con la pioggia". Nel 2000 ha scritto le musiche per Mosè, principe del deserto, musical con testi di Loriana Lana. Nel 2010 ha diretto l’Orchestra Sinfonica Magna Grecia di Lecce.

Francesco Carofiglio
Radiopirata (Marsilio)
Lido Il Brigantino, Barletta – ore 20.30

Dopo “L’estate del cane nero” e “Ritorno nella valle degli angeli”, presentato alla prima edizione di Spiagge d’Autore, Francesco Carofiglio ritorna con un nuovo romanzo “Radiopirata” (Marsilio).
Le vicende comiche e spietate di un microcosmo in bilico tra la vita e il sogno, tra il dolore e la felicità. Un gruppo di ragazzi che corrono timidi e sfrontati nella ferita sanguinante della giovinezza. Ambientato a Foggia nel 1981 l’opera racconta le storie di tre ragazzi, una ragazza e un prete. Ciccio lavora in un negozio di dischi e vuole fare il deejay. Tonio è un genio dell’elettronica, intrappolato nell’officina del padre. Giovanni, bello come Alain Delon, è l’ala destra dell’Aquilana calcio, la grande promessa del calcio italiano. Teresa, la sua fidanzata, ha deciso, partirà, finirà gli studi e diventerà un medico. E poi Lorenzo, il prete che ama Jimi Hendrix, e irrompe in paese all’alba su una vecchia citroen. In un luogo inghiottito nella valle, dove tutto sembra immobile Ciccio ha un’idea: fare una radio, dare una scossa a quella vita fatta di niente. In un paese dove il mondo arriva in ritardo, la musica si lancerà nell’etere per scorticare il silenzio. E la voce di Lupo Solitario, il mitico dj, si materializzerà in una notte di tregenda.

 

__________________ da COMUNICATO STAMPA by Michela Ventrella e Ines Pierrucci

consultare il sito www.spiaggedautore.it

in alto a sinistra, lo scrittore-architetto barese Francesco Carofiglio, fratello del Senatore PD Gianrico Carofiglio