Vendola propone Prodi come successore di Napolitano

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BARI, 20 DICEMBRE 2014 - Sulla questione di un candidato successore di Napolitano al Quirinale, Nich...

BARI, 20 DICEMBRE 2014 - Sulla questione di un candidato successore di Napolitano al Quirinale, Nichi Vendola propone il nome di Romano Prodi. La proposta di Vendola è indirizzata agli alleati nazionali del PD, con cui Sel vuole dialogare, solo a patto di smetterla con il "Patto del Nazareno". Vendola motiva la sua scelta, ricordando che la figura del Presidente della Repubblica: "(...) deve essere un elemento di speranza e fiducia in un paese estenuato".

Vendola coglie l'occasione per commentare la posizione di Civati all'interno del PD: "Non voglio parlare di scissione, uso più filosoficamente l’espressione “spirito di scissione”", spiega il leader di Sel, che chiede anche al Governo Renzi maggiore attenzione nei confronti di chi scende in piazza a manifestare.

Vendola non è il solo che, in queste ore, indica potenziali candidati e successori a Giorgio Napolitano. Se il leader di Sel auspica Prodi già entro la quarta votazione, la posizione del Movimento Cinque Stelle nazionale è completamente diversa: "Ci serve un presidente che non parli di indulto ma incalzi il Parlamento e il governo a fare subito una seria legge anticorruzione. Più che un nome, un profilo alla Pertini" spiega Di Maio, auspicando anche l'utilizzo delle "Quirinarie", ovvero la scelta dei nomi votati dal popolo del web sul sito di Grillo.

Dello stesso avviso anche Salvini della Lega Nord, che chiede nuovi nomi e nuovi volti per il Quirinale: "Spero solo che non sia un vecchio rottame della sinistra, come Prodi, Amato o quella gente lì" spiega in una battuta ai cronisti.

Per il momento, continua la discussione parlamentare sul successore di Napolitano: il Premier Renzi ha indicato in lui "L'uomo politico dell'anno" ed auspica una consultazione veloce per l'elezione di un successore, per poter poi affrontare altrettanto velocemente e serenamente l'agenda di Governo.

(Foto lamiapartitaiva.it)

Annarita Faggioni

InfoOggi.it Il diritto di sapere