• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Bari: Decaro prende provvedimenti sugli autisti

Puglia

BARI, 04 GENNAIO 2015 - Aveva fatto scalpore il caso di alcuni autisti assenteisti durante il Capodanno: gli operatori avrebbero presentato falsi certificati medici per non presentarsi al lavoro, causando quindi disagi alla pubblica viabilità. Il sindaco Decaro ha inviato un proprio videomessaggio agli assenteisti, ricordando la "fiducia" che l'amministrazione comunale ha dato all'Amtab all'inizio del proprio mandato.[MORE]

Il videomessaggio di Decaro

In un videomessaggio di poco superiore ai due minuti su YouTube, il sindaco di Bari espone la propria posizione di fronte all'accaduto. "Purtroppo non posso dire la stessa cosa dell'Amtab, azienda in cui si sono assentate ben 109 persone. Abbiamo deciso di ricapitalizzare l'azienda, investendo nel suo futuro, e non deve essere questo il modo per ripagare la città. I cittadini si sentono traditi" diversamente dalla Polizia Municipale e da altre forze dell'ordine del capoluogo pugliese.

Gran parte delle 109 persone che si sarebbero assentate avrebbero presentato un certificato medico per malattia. Decaro afferma che, nel conto degli assenteisti, non figurerebbero, come da disposizioni di legge, i dipendenti che, in quelle ore, avrebbero usufruito della legge 104. Quindi, le persone che, per un motivo o per l'altro, non si sarebbero presentate al lavoro, potrebbero essere anche di più.

Non è detto, però, che si tratti di soli assenteisti: il sindaco ha precisato che ci saranno controlli, volti a tutelare chi si è assentato per giustificato motivo e, al tempo stesso, i cittadini di Bari che, nell'ultimo giorno del 2014, hanno dovuto fare i conti con il disservizio.

"Dieci giorni fa abbiamo fatto la ricapitalizzazione" spiega Decaro nel video "2 milioni di Euro sono già stati forniti all'azienda". L'appello ai dipendenti e ai sindacati è presto detto: Decaro intenderà privatizzare l'azienda se, spiega, non avrà altre alternative.

(Foto youtube.com)

Annarita Faggioni