I Monti pisani oltre l’incendio, con la “Voce degli Alberi”

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BUTI ( Pisa) 13 ottobre 2018 - “Monti pisani” è la denominazione dell’area col...


BUTI ( Pisa) 13 ottobre 2018 -  “Monti pisani” è la denominazione dell’area collinare che circonda Pisa. Da sempre, il Monte Serra ha costituito un colpo d’occhio lussureggiante per chi stesse per fare ingresso nella città della Piazza dei Miracoli. Ma da qualche settimana non è più così.  

Oltre mille ettari di territorio sono infatti andati in fumo nei comuni di Calci, Vicopisano e Vecchiano, per non parlare della fauna perita tra le fiamme,  dopo il micidiale incendio sviluppatosi la sera del 24 settembre scorso. Centinaia di persone sono state fatte evacuare dalla zona, molte delle quali sono tuttora senza un’abitazione. I suggestivi sentieri, strutture agrituristiche e fattorie modello sono per parecchi chilometri solo un lontano, struggente ricordo. 

 Secondo la Coldiretti ci vorranno almeno 15 anni per rivedere i boschi e le aree verdi distrutte, con diecimila piante di ulivo anche secolari andate distrutte, oltre a vigneti e castagneti. 

 Ma ecco che in una domenica di ottobre ( il 14), la natura e la determinata popolazione locale  ci offriranno un insegnamento della loro incontenibile capacità di rigenerarsi, dando “voce” agli alberi superstiti del Monte Pisano. L’evento avrà luogo a Buti, in una zona parzialmente scampata alla furia dell’incendio ( Località Il Sorbo, presso l’omonimo rifugio, dalle 9, 30). 

Cinque apparecchi della Musica delle Piante®, collegati a piante diverse, rileveranno la frequenza vitale di ogni pianta e collegandola ad una scala musicale e ad uno strumento, potranno riprodurne il “canto”. Le suggestioni sonore saranno rese ancora più potenti grazie all'intervento di un musicista ( il trombettista Niccolò Angioini) e di una cantante ( Luz Amparo Osorio) che improvviseranno sulle note delle piante, sottolineando l'unione imprescindibile tra umani e alberi, nella buona come nella cattiva sorte.

Raffaele Basile

fonte foto: Pisatoday


InfoOggi.it Il diritto di sapere