• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Barbara Lezzi presente all'evento su autonomia differenziata

Calabria > Catanzaro

CATANZARO, 22 GENNAIO 2020- Nel pomeriggio di oggi, presso la Sala delle Culture della Provincia di Catanzaro, si é svolto un dibattito sull'autonomia differenziata e trasporti. All'evento organizzato dalla Senatrice Bianca Laura Granato, ha partecipato anche l'ex Ministro per il Sud Barbara Lezzi. La Lezzi, ha incontrato gli attivisti del posto, esprimendo dubbi sulla proposta di autonomia differenziata avanzata da Francesco Boccia: "Non sono contraria a un pò di autonomia per alcune competenze regionali, ma personalmente ritengo che la proposta presentata dal rappresentante del Partito Democratico, non sia convincente. Anche nel primo governo Conte la Lega aveva una propria idea di autonomia, ma Salvini, non voleva votarla sul serio, perché altrimenti avrebbe scalfito il suo consenso. L'idea di autonomia leghista, piaceva soprattutto a Zaia, ma sarebbe stata penalizzante per i cittadini del Sud. Sono sempre stata convinta che vadano garantiti servizi e risorse al meridione, per cui non posso rassegnarmi a proposte che andrebbero a penalizzare il Sud". 

La Lezzi ha poi risposto ad alcune domande poste da attivisti, parlando anche della scelta di allargare la struttura organizzativa: "Devo dire che il Movimento aveva bisogno di allargare la struttura, e la scelta dei facilitatori potrebbe dare una grossa mano. Il percorso si concluderà con gli Stati generali, sicuramente si potranno ancora fare delle modifiche, ma in questo momento delicato, il Movimento deve riunirsi e trovare nuove idee. Lo faremo a marzo negli Stati generali, sono fiduciosa". Anche la Senatrice Granato ha criticato la proposta di autonomia differenziata, ma ha anche attaccato la classe dirigente calabrese: "La nostra regione esce quasi sempre penalizzata da scelte o non scelte fatte da una classe dirigente pessima. Mentre i leghisti arrivano a Roma a rivendicare diritti e servizi essenziali, spesso i rappresentanti delle regioni eletti qui in Calabria, nemmeno partecipano alle riunioni. Vedete, la Calabria in questi anni ha avuto la colpa di eleggere rappresentanti che non si sono mai interessati dei problemi di questa regione. Abbiamo bisogno di lavorare sui Lep, di dare risorse alla nostra regione, che in fondo sembra interessare poco al Pd, perché soffre il fenomeno dello spopolamento, ha una caduta demografica, quindi anche a livello politico ha meno peso rispetto alle più popolose regioni del Nord. Il Pd ha sempre voluto inseguire la Lega, ma per interessi di partito. Noi vogliamo fare gli interessi dei cittadini, ci battiamo ogni giorno per questo".