• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

25, 40, 38... Smorfia, Simboli tombola!

Lazio > Roma

NAPOLI 25 DICEMBRE - Il gioco natalizio per eccellenza è, sicuramente, la tombola. L’usanza di trastullarsi con i numeri per cercare di metterne in fila due, tre, quattro o cinque ed infine di riempire almeno una delle cartelle che si hanno dinnanzi, è tipicamente italiana, ma, senza alcuna ombra di dubbio, sono le regioni del Sud a farla da padrone.

Anche se si tratta di un gioco d’azzardo, nel periodo di festa, adulti e bambini trascorrono intere serate giocando a tombola per ambire ai premi messi in palio, che possono avere la più svariata natura. Si va dai dolcetti alle caramelle, dai regalini a piccole somme di denaro che si sono versate per comprare le cartelle.

Le vere e proprie origini di questo gioco si perdono nella notte dei tempi e, si fanno risalire addirittura a 1000 anni prima la venuta di Cristo. Ma alcuni curiosi fatti storici, la fanno nascere a Napoli attorno al 1734.

A quel tempo, il re di Napoli, Carlo III di Borbone era determinato ad ufficializzare nel suo regno il gioco del lotto che, se mantenuto ancora clandestino, avrebbe sottratto ingenti entrate di denaro alle casse dello Stato. Tale decisione era fermamente opposta da un frate domenicano, Gregorio Maria Rocco. Questa diversità di idee, fece scoppiare fra il sovrano e il frate una vivace disputa.

Padre Rocco, che era legato al re da un profondo rapporto di amore – odio, era dell’idea che introdurre nel paese un «così ingannevole ed amorale diletto» avrebbe contravvenuto ai precetti cattolici che tutti cercavano di rispettare. Dal canto suo, il re, dopo aver fatto presente che se il lotto fosse stato giocato ancora di nascosto, sarebbe risultato più dannoso per le tasche dei sudditi, riuscì ad avere la meglio sulle argomentazioni del religioso. Ad una condizione, però. Il gioco del lotto, nella settima Santa di Natale sarebbe stato sospeso, per consentire ai fedeli di concentrarsi solo sulle preghiere.

Ma i napoletani, che quanto a fantasia erano e rimangono impareggiabili, subito escogitarono un simpatico modo per aggirare quel divieto. I 90 numeri del lotto furono inseriti in “panarielli” di vimini e, per ingannare il tempo in attesa della mezzanotte, ognuno disegnò numeri in ordine sparso su cartelle che bisognava riempire. Così, la creatività popolare, riuscì a trasformare un gioco pubblico in un gioco familiare che prese, appunto, il nome di tombola, dalla forma cilindrica del numero impresso nel legno e dal capitombolo che lo stesso fa quando cade sul tavolo dal “panariello”.

La parola tombola, quindi, secondo alcuni deriverebbe da tombolare, ossia roteare o far capitombolare i numeri dal paniere, secondo altri, invece, trarrebbe origine da tumulo, forse per la forma piramidale che continua ad avere il paniere classico.

Si può, dunque, affermare che la tombola è figlia del lotto, ma soprattutto dell’estrosa genialità del popolo napoletano.

Ad ognuno dei numeri della tombola fu attribuito un significato allegorico diverso da regione a regione e, nella stessa Napoli, da quartiere a quartiere. I simboli della tombola partenopea, continuano, però, ad essere i più usati e si contraddistinguono per la loro allusività e, alle volte, anche per la loro scurrilità.

Ci va di condividere con i nostri lettori il simpatico significato di alcuni di questi numeri che si trovano nella "smorfia".
14 - 'O mbriaco (l'ubriaco)
17 - 'A disgrazzia (la disgrazia)
23 - 'O scemo (lo scemo)
39 - 'A funa n' ganna (la corda la collo)
48 - 'O muorto che pparla (il morto che parla)
55 - 'A museca (la musica)
57 - 'O scartellato (il gobbo)
66 - 'E ddoie zetelle (le due zitelle)
75 - Pullecenella (Pulcinella)
77 - 'E riavule (i diavoli)
85 - Ll'aneme 'o priatorio (le anime del purgatorio)
90 - 'A paura (la paura)

Italiano Napoletano Significato della metafora
1 L'Italia L'Italia
2 La bambina 'A piccerella
3 La gatta 'A jatta
4 Il maiale O'puorco
5 La mano 'A mano
6 Quella che guarda verso terra Chella ca guarda 'nterra l'organo sessuale femminile
7 Il vaso di creta 'O vasetto
8 La Madonna 'A Maronna
9 La figliolanza 'A figliata
10 I fagioli 'E fasule
11 I topolini 'E suricille
12 Il soldato 'O surdato
13 Sant'Antonio Sant'Antonio giorno dedicato al santo nel Calendario dei santi
14 L'ubriaco 'O mbriaco
15 Il ragazzo 'O guaglione
16 Il culo 'O culo
17 La sfortuna 'A disgrazia
18 Il sangue 'O sang'
19 La risata 'A resata
20 La festa 'A festa
21 La donna nuda 'A femmena annura
22 Il pazzo 'O pazzo
23 Lo scemo 'O scemo
24 Le guardie 'E Gguardie
25 Natale Natale
26 La piccola Anna Nanninella giorno dedicato alla santa nel Calendario dei santi
27 Il pitale 'O cantaro
28 I seni 'E zizze
29 Il padre dei bambini 'O pate d' 'e criature l'organo sessuale maschile
30 Le palle del tenente 'E palle d' 'o tenente
31 Il padrone di casa 'O patrone 'e casa
32 Il capitone 'O capitone
33 Gli anni di Cristo Ll'anne 'e Cristo
34 La testa 'A capa
35 L'uccellino Ll'aucielluzzo
36 Le nacchere 'E castagnelle
37 Il monaco 'O monaco
38 Le botte 'E mmazzate
39 Il cappio al collo 'A fune 'n ganna
40 La noia 'A noja
41 Il coltello 'O curtiello
42 Il caffè 'O ccafè
43 La donna al balcone Onna pereta fore ô barcone donna sguaiata/impicciona che si espone al balcone
44 La prigione 'E ccancelle
45 Il vino buono 'O vino bbuono
46 Il denaro 'E denare
47 Il morto 'O muorto
48 Il morto che parla 'O muorto che pparla
49 La carne 'O piezz' 'e carne
50 Il pane 'O ppane
51 Il giardino 'O ciardino
52 La mamma 'A mamma
53 Il vecchio 'O viecchio
54 Il cappello 'O cappiello
55 La musica 'A museca
56 La caduta 'A caruta
57 Il gobbo 'O scartellato
58 Il pacco 'O paccotto
59 I peli 'E pile
60 Il lamento 'O lamiento oppure anche "colui/colei che si lamenta" ("chi se lamienta")
61 Il cacciatore 'O cacciatore
62 Il morto ammazzato 'O muorto acciso
63 La sposa 'A sposa
64 La marsina 'A sciammerìa
65 Il pianto 'O chianto
66 Le due zitelle 'E ddoje zetelle
67 Il totano nella chitarra 'O totaro dint' 'a chitarra riferimento all'atto sessuale
68 La zuppa cotta 'A zuppa cotta
69 Sottosopra sott'e 'ncoppa
70 Il palazzo 'O palazzo
71 L'uomo di merda L'omm 'e mmerd una persona malvagia o riprovevole
72 Lo stupore 'A maraviglia
73 L'ospedale 'O spitale
74 La grotta 'A grotta
75 Pulcinella Pulecenella
76 La fontana 'A funtana
77 I diavoli 'E riavulille
78 La bella figliola 'A bella figliola una prostituta
79 Il ladro 'O mariuolo
80 La bocca 'A vocca
81 I fiori 'E sciure
82 La tavola imbandita 'A tavula 'mbandita
83 Il maltempo 'O maletiempo
84 La chiesa 'A chiesa
85 Le anime del Purgatorio Ll'aneme d' 'o priatorio
86 La bottega 'A puteca
87 I pidocchi 'E perucchie
88 I caciocavalli 'E casecavalle
89 La vecchia 'A vecchia
90 La paura 'A paura


Mia S. Aaron