Imprese: Fedriga, premiare il lavoro per guardare al futuro

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
UDINE, 16 NOVEMBRE - "L'evento di oggi premia il lavoro ma guarda al futuro, mettendo in evidenza ch...

UDINE, 16 NOVEMBRE - "L'evento di oggi premia il lavoro ma guarda al futuro, mettendo in evidenza che con la buona volonta' e l'impegno si possono raggiungere grandi obiettivi". Lo ha affermato oggi al Teatro Giovanni da Udine il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, intervenendo alle 65. premiazioni del Lavoro e del progresso economico della Camera di Commercio che, per la prima volta, si e' presentata con la nuova veste accorpata Pordenone-Udine. "Nelle premiazioni si e' puntato anche sull'innovazione - ha affermato Fedriga - e questo evento, dunque, non e' solo riconoscimento del lavoro fatto ma una prospettiva verso il futuro. Aver incentrato questa edizione non solo su cio' che e' stato realizzato ma su quello che potremo fare insieme e' un passaggio importante di questo appuntamento". In tema di innovazione e di sviluppo, il governatore ha auspicato che il Friuli Venezia Giulia diventi centro europeo per il terziario avanzato tenuto conto anche dell'importante concentrazione di enti di ricerca in regione. "E' un obiettivo che puo' essere raggiunto se tutti gli attori remano nella stessa direzione perche' sono convinto - ha affermato - che attraverso le misure sull'agevolazione fiscale, mirate a rendere conveniente investire in Fvg, agli sviluppi sulla parte logistica e alla capacita' di ricerca possiamo essere attrattivi anche per le imprese internazionali". "Su questi grandi temi - ha aggiunto - auspico riusciremo a trovare una sintesi al di la' dei colori politici perche' questo determinera' il futuro della nostra gente, della nostra terra e dei nostri figli". Il governatore ha ricordato gli interventi della Giunta regionale a favore delle imprese, fra i quali l'agevolazione sulla fiscalita' e in particolare l'abolizione dell'Irap per le aziende situate in montagna, incentivi che riguarderanno, in diversa misura, anche i nuovi insediamenti in Fvg.

"Si tratta - ha evidenziato Fedriga - di una scelta forte per indicare che e' conveniente investire sul nostro territorio, tenendo anche conto che dobbiamo competere con Paesi confinati dove la pressione fiscale e' piu' bassa". Fedriga ha voluto ribadire come la nostra regione abbia uno dei rating migliori oltre ad un debito pubblico e una percentuale di evasione molto bassi. A margine dell'incontro, il governatore ha ricordato l'accorpamento dell'ente camerale. "La cerimonia di quest'anno si arricchisce di un significato ancora piu' profondo perche' e' la prima organizzata dopo la fusione degli enti camerali di Udine e Pordenone; fusione che rappresenta un passo decisivo nel rispondere in modo adeguato alle esigenze delle aziende e alle nuove sfide, dimostrando quanto la collaborazione tra l'area udinese e pordenonese, con le proprie peculiarita' e tipicita', sia un elemento cardine per lo sviluppo del Friuli Venezia Giulia. Ma il merito della fusione, per Fedriga, resta delle imprese, delle associazioni di categoria, con i loro presidenti, e della loro capacita' di lavorare insieme per il bene dell'imprenditoria, dello sviluppo e della crescita del territorio "evidenziando in questo modo - ha detto - che si puo' lavorare in maniera condivisa indipendentemente dalla struttura organizzativa". Presenti all'evento anche gli assessori regionali alle Infrastrutture, Graziano Pizzimenti, e alle Attivita' produttive, Sergio Emidio Bini, che ha sottolineato la friulanita' dell'appuntamento "Il Friuli Venezia Giulia - ha sottolineato - e' caratterizzato da persone operose, da imprese che sono cresciute e che danno lustro al territorio in tutto il mondo e di cui dobbiamo essere orgogliosi".

InfoOggi.it Il diritto di sapere