Trovato il corpo di Max Weil, il ragazzo tedesco scomparso nel 2011

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
GERA (GERMANIA), 16 SETTEMBRE 2014 – È stato ritrovato il corpo del giovane Max Weil, i...

GERA (GERMANIA), 16 SETTEMBRE 2014 – È stato ritrovato il corpo del giovane Max Weil, il ragazzo tedesco scomparso da Gera nel 2011. A dare la notizia sono stati i genitori, Gaby e Michael, dopo il ritrovamento dei resti da parte della polizia federale.

La storia di Max Weil: amava Goethe e l’Italia. Dal 2011 molte segnalazioni e un falso allarme

Max Weil, giovane ragazzo tedesco di 22 anni, scompare dalla sua abitazione di Gera, dove si trovava per motivo di studio, nel marzo 2011. Immediatamente denunciata la sua scomparsa, i genitori si sono rivolti anche alle TV italiane: il ragazzo, infatti, era un appassionato di Goethe e dei suoi “Viaggi in Italia” e, i genitori, visto il periodo di crisi esistenziale che Max viveva, hanno pensato che volesse ripercorrere le orme del suo scrittore preferito, dandosi alla fuga senza informare nessuno del suo viaggio.

Partite le ricerche italiane, dal 2011 sono state centinaia le segnalazioni che hanno visto coinvolto il ragazzo: sembrava che vivesse da mendicante, dormendo dove capitava e spostandosi utilizzando l’autostop. L’ultimo avvistamento del giovane ha condotto molti giornalisti sulle sue tracce, ma all’arrivo sul posto è stato trovato un ragazzo cresciuto, con la barba e con una borsa piena di libri che non era Max. I genitori hanno dichiarato il giovane un sosia del figlio e le operazioni sono ripartite da zero, fino ad oggi, in cui è stato rinvenuto il corpo.

Il corpo di Max Weil ritrovato al confine tra Germania e Repubblica Ceca

Uno scheletro era stato rinvenuto in data 23 Maggio al confine tra la Germania e la Repubblica Ceca, più precisamente nei pressi della regione del Decin-Maxicky (Repubblica Ceca). Il medico legale, che ipotizza tutt'ora che il corpo fosse lì da anni, aveva escluso la morte violenta e si era in attesa dell'identificazione dei resti. Identità che è stata attribuita negli ultimi giorni a Max Weil. La madre del giovane, tramite il proprio profilo di Facebook, ha fatto sapere: «Non abbiamo nessun indizio, ci sono solo misteri e speculazione. E' necessario chiarire quello che è accaduto a Max»
 

Erica Benedettelli

[Foto da chilhavisto.rai.it]

Seguici anche su Facebook

InfoOggi.it Il diritto di sapere