Calderoli, no a offese, ma Quirinale poteva incaricare Lega. In Umbria Pd-M5S non ce la faranno

1065
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 16 SETTEMBRE - Le offese lanciate al presidente della Repubblica da parte di un esponente dell...

ROMA, 16 SETTEMBRE - Le offese lanciate al presidente della Repubblica da parte di un esponente della Lega a Pontida "sono parole assolutamente sconvenienti. Probabilmente Mattarella poteva dare un incarico a Salvini, però è una valutazione politica". 

Così il senatore leghista, Roberto Calderoli, in un'intervista a Repubblica in cui, rispetto alla vecchia Lega Nord, ammette di di avere un po' di nostalgia e specifica: "Ho nostalgia di tutto, anche di quando andavo alle elementari. Capace fra cinque anni avrò nostalgia di questa Pontida". Poi, sulla sua idea di un referendum per abolire il sistema elettorale proporzionale dice: 

"È stata una cosa a tre. Io, Salvini e Giorgetti. Sono l'ostetrica ecco. Ma il punto era trovare un modo per andare al maggioritario". Sulla possibile alleanza Pd-M5S anche per le prossime elezioni Regionali, Calderoli poi commenta: "Non ce la fanno in Umbria, forse sì in Emilia e in Calabria, ma quasi quasi me lo auguro perché finalmente si farebbe chiarezza. Sancirebbero il ritorno a un sistema bipolare. Ci semplificano il lavoro".

Fonte immagine (Corriere)

InfoOggi.it Il diritto di sapere