• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Dea Bellezza e Dio Denaro in lotta per il Masso delle Fanciulle

Toscana

POMARANCE (PI) 5 AGOSTO 2016 - Tre affascinanti ragazze, per scappare dalle invasive attenzioni di un ricco bullo locale, si buttano giù nel fiume Cecina da un masso sovrastante le acque e annegano. Non è fortunatamente cronaca nera, bensì una leggenda toscana.

Il Masso delle Fanciulle, tra Pomarance e Volterra, in provincia di Pisa, è un sito di interesse comunitario di rara bellezza. La vegetazione del posto è di un verde intenso che va a confondersi con l’azzurro altrettanto intenso delle acque, che sono in gran parte balneabili.

Il fluire del fiume è in alcuni punti interrotto da cascate e cascatelle che sono un ulteriore valore aggiunto al fascino dei luoghi. Per giungervi, occorre seguire la SS439 in direzione di Volterra e poi di Pomarance. Da qualche tempo la segnaletica stradale sta venendo in ausilio dei visitatori, ma in passato rintracciare questa sorta di paradiso aveva le caratteristiche di una caccia al tesoro. Per chi voglia visitare questa meraviglia, conviene affrettarsi. [MORE]

Sembra infatti ormai inevitabile che in un futuro prossimo la località, nonostante il suo grande valore paesaggistico, verrà fatta oggetto di invasive perforazioni geotermiche. Il paradiso inizierà così ad avere sembianze di inferno, anche considerando gli effluvi geotermici che ne conseguiranno.

Una vera e propria follia, sia dal punto di vista ambientale che delle potenzialità turistiche vanificate. Vari comitati stanno provando ad ostacolare il progetto, ma la Regione appare irremovibile sulla sua prossima fattibilità. Si tratta di energia, un settore strategico, e ciò consente a Regione e Governo di appellarsi alla pubblica utilità, nonostante la contraria volontà di enti locali e cittadini.

Si profila quindi all’orizzonte un’ulteriore disfatta della Dea Bellezza nei confronti del Dio Denaro e del Mito della “Crescita”. Quest'ultima sta divenendo un vero e proprio "mantra",  recitato sempre più spesso e in maniera talvolta ottusa, dalla "Politica". Una comoda giustificazione che va spesso a supportare scelte insensate.

Raffaele Basile