Di Maio: in Usa vede big hi-tech,insieme per digitalizzare Italia

742
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
WASHINGTON, 28 MARZO - "L'incontro che abbiamo avuto con le major dell'economia digitale ha sancito ...

WASHINGTON, 28 MARZO - "L'incontro che abbiamo avuto con le major dell'economia digitale ha sancito ancora una volta l'esigenza di adeguare le nostre normative a nuove sfide tecnologiche". Lo ha detto Luigi Di Maio, vice presidente del consiglio e ministro dello Sviluppo Economico, del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha incontrato i rappresentanti della Silicon Valley in occasione dell'evento "Big tech: The Way forward" tenutosi presso l'ambasciata italiana di Washington. All'incontro hanno partecipato rappresentanti di Airbnb, Amazon, apple, eBay, Facebook, Google, Ibm, Microsoft, Salesforce, Tesla, Virgin Galactic.

"Come governo - ha proseguito Di Maio - siamo impegnati a sviluppare normative che consentano all'innovazione di proliferare in Italia ed il fondo nazionale innovazione con gli investimenti nel venture capital per un miliardo di euro sara' fondamentale nei prossimi anni per digitalizzare il nostro paese e finanziare le start up innovative. L'obiettivo e' quello di marciare insieme verso la nuova economia digitale".  

"Tutti questi soggetti in Italia devono avere un'opportunità di lavorare insieme alla digitalizzazione del Paese e al processo di innovazione. Il fondo nazionale innovazione ha si' un miliardo di fondi pubblici ma e' aperto ai privati", ha rimarcato Di Maio, a margine dell'incontro con i big della tecnologia. "Gli incontri di questo tipo - ha sottolineato il vicepremier - servono anche per promuovere il nuovo fondo che partira' ad aprile e ci permettera' di arrivare ai livelli di Francia Germania e Inghilterra nel venture capital per le startup innovative. Quali migliori partner di questi per avviare un grande processo di investimenti che portera' a 5 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni privati e che ha norme gia' scritte"

InfoOggi.it Il diritto di sapere