Papa Francesco: Monsignor Marco Ganci nuovo Osservatore vaticano presso il Consiglio d'Europa

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA 22 SETTEMBRE - Il catanzarese Mons. Marco Ganci, da anni in Servizio diplomatico della San...

ROMA 22 SETTEMBRE - Il catanzarese Mons. Marco Ganci, da anni in Servizio diplomatico della Santa Sede nelle rappresentanze pontificie in Bolivia, Grecia, presso l’Unione Europea a Bruxelles e in Kenya.. è stato nominato da Papa Francesco come Inviato Speciale, Osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d’Europa a Strasburgo.  Da pochi giorni aveva lasciato la sua famiglia e la sua città per una breve pausa estiva. 

 sua città d’origine per la pausa esistiva dove ha maturato la vocazione all’interno della spiritualità del Movimento Apostolico.  Mons. Ganci è nato a Catanzaro il 16 maggio 1976, dove ha maturato il cammino di fede nella spiritualità del Movimento Apostolico. Dopo il diploma nel liceo scientifico “Siciliani” di Catanzaro, ha studiato filosofia e teologia nel Seminario Regionale “S. Pio X” di Catanzaro. Ha ricevuto l’ordinazione presbiterale il 6 dicembre del 2000 per le mani dell’Arcivescovo Monsignor Antonio Cantisani. 

Nei primi anni del suo ministero ha svolto i ruoli di vice rettore nel seminario arcivescovile e di vice parroco nella chiesa cattedrale di Catanzaro.  Dopo la specializzazione in teologia morale sociale nell’Istituto teologico Calabro, ha proseguito gli studi teologia e di diritto canonico a Roma. E’ entrato nel Servizio diplomatico della Santa Sede il 1° luglio del 2006. Nell’Accademia ecclesiastica, da esperto di diritto, ha perfezionato le lingue e in particolar modo  l’inglese, lo spagnolo e il francese. 

Una gioia per la comunità diocesana e per la famiglia Ganci che da anni segue il cammino del figlio don Marco e anche dell’altro figlio sacerdote don Andrea che a Roma esercita il servizio pastorale nella Congregazione per il Clero. 

A Mons. Marco Ganci gli auguri di Calabria Ecclesia.

Visualizza la fotogallery

InfoOggi.it Il diritto di sapere