Ruby, debuttante a Vienna tra le polemiche

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
VIENNA, 4 MARZO - Sicuramente il bel mondo viennese questo ballo delle debuttanti se lo ricorde...

VIENNA, 4 MARZO - Sicuramente il bel mondo viennese questo ballo delle debuttanti se lo ricorderà a lungo, il teatro dell’Opera di Stati di Vienna ieri sera sembrava più un concerto rock che l’esclusivo palcoscenico per delle fanciulle in fiore. E di certo il magnate dei centri commerciali austriaci Richard Lugner, se voleva far parlare di sé, ci è riuscito: gli occhi erano tutti per lui e per la sua chiacchieratissima ospite, Ruby. 

Il settantottenne imprenditore edile già in passato si era accompagnato al ballo con discutibili e ben poco debuttanti compagne come Pamela Anderson, Paris Hilton e Dita von Teese., nonché nel 1955 da Sophia Loren, ultima madrina italiana al ballo. Evidentemente la neomaggiorenne marocchina, presto sposa, non disdegna la compagnia dei settantottenni, questo deve aver pensato anche un altro ospite di questa 55esima edizione del ballo, Bob Geldof, che avrebbe dichiarato “Se va a letto volentieri con uomini vecchi, allora ho una possibilità anche io”.

Sembra che Lugner abbia offerto a Ruby per la sua partecipazione 40mila euro, e le abbia messo a disposizione un aereo privato per arrivare il 1 Marzo a Vienna da Genova.

Avvolta in un collo di pelliccia e fasciata in uno scollatissimo abito dorato di lamé, Ruby stata letteralmente assalita dai fotografi , accolta come una diva da una folla che si accalcava sulle transenne e scortata da uno stuolo di bodyguard. All’interno dell’aristocratico ambiente del teatro dell’Opera l’accoglienza non è stata da meno, con tanto di debuttanti che si facevano autografare il bouquet .

Si dice inorridita invece l’organizzatrice del ballo, Desiree Trechl-Stuerghk, che pochi giorni prima del ballo aveva dichiarato: “è uno scandalo perché la ragazzina è su tutti i giornali con un premier, per cui spero che uno dei due proponga di annullare la partecipazione al Ballo dell’Opera di Vienna. Provo pena per la marocchina diciottenne, è una giovane profuga che viene sfruttata”. Insomma, che sia una povera ragazza sfruttata o una escort di lusso, lo decideranno la storia e i pm, di certo non giova a un evento aristocratico e di gran classe come questo la presenza di ospiti così ingombranti.

InfoOggi.it Il diritto di sapere