Abolita tesi di laurea per le triennali dell'ateneo di Palermo

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PALERMO, 22 NOVEMBRE 2012 - Da sempre in tutta Italia e per tutti i corsi di lauree per diventare &l...

PALERMO, 22 NOVEMBRE 2012 - Da sempre in tutta Italia e per tutti i corsi di lauree per diventare “dottore” era necessario, oltre che terminare tutti gli esami previsti sul piano di studi, elaborare una tesi sotto supervisione di un relatore. Adesso questo passo così significativo è cambiato nell’Ateneo di Palermo che ha previsto l’abolizione della tesi per tutti i laureandi della triennale. A deciderlo è stato il Senato accademico del suddetto ateneo che ha previsto l’inizio della riforma dalla sessione estiva del 2013- 2014.

Gli studenti palermitani si troveranno ad affrontare due tipi di prova tra cui scegliere a propria discrezione: un test a risposta multipla o un elaborato lungo massimo 30 cartelle, anche se il consiglio di corso di laurea può riservarsi la possibilità di decidere di fare svolgere entrambe le prove agli studenti. Tali prove verranno svolte almeno trenta giorni prima delle date previste per le lauree nelle quali avranno luogo soltanto le proclamazioni dei laureati. La tesi resta comunque obbligatoria per gli studenti dei corsi magistrali o a ciclo unico, dal momento che per queste tesi sono previsti anche 40 crediti formativi, mentre per la tesi della triennale ne erano previsti solo 6.

Gli studenti si troveranno ad avere a che fare con una realtà del tutto nuova, a non vivere un’esperienza che comunque è formativa come conclusione dei loro studi. La tesi ha sempre rappresentato un traguardo importante da raggiungere per uno studente perché è la massima espressione degli studi fatti negli anni. E’ un momento importante e di grande maturazione della persona.

Scegliere un argomento da approfondire, curarne la bibliografia, fare ricerche per poi poterne discutere davanti ad una commissione, ad amici e parenti è un momento significativo nella vita universitaria di uno studente che da ora non vivrà più quest’esperienza se non alla fine di una laurea specialistica. Ma anche li si troverà ad avere a che fare con una prova di una certa consistenza senza avere gli strumenti e l’esperienza giusta non avendo affrontato la preparazione della tesi della sua laurea triennale.

Leandra Di Caccamo

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere