Bafta 2018: il racconto della serata

33
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LONDRA, 19 FEBBRAIO- Alla Royal Albert Hall di Londra nella serata di ieri sono stati consegnati i B...

LONDRA, 19 FEBBRAIO- Alla Royal Albert Hall di Londra nella serata di ieri sono stati consegnati i Bafta i premi britannici per il cinema che vengono, come gli Oscar, consegnati a film di tutto il mondo. La serata ha rappresentato una prova generale in vista della notte degli Oscar al Dolby Theater di Los Angeles, che si svolgerà il prossimo 4 marzo.   

Tre manifesti a Ebbing, Missouri è stato il film della serata ha ricevuto cinque premi: miglior film e miglior film britannico, miglior attrice protagonista per Frances McDormand, miglior attore non protagonista per Sam Rockwell e miglior sceneggiatura originale. Il film aveva ricevuto nove nomination.

Gary Oldman, protagonista dell' Ora più buia, ha vinto il BAFTA come migliore attore protagonista per la sua magistrale interpretazione nei panni di Winston Chruchill. Allison Janney è invece la migliore attrice protagonista, per il film Io, Tonya. Il film super favorito della serata, in pole position anche per gli Oscar, La forma dell'acqua, che aveva ricevuto ben 12 nomination ha portato a casa 3 premi: miglior regia di Guillermo del Toro, migliore sceneggiatura e migliore colonna sonora originale di Alexandre Desplat.

Premi anche per il film italiano di Luca Guadagnino Chiamami col tuo nome che porta a casa il premio per migliore sceneggiatura non originale. La pellicola di Guadagnino ha ricevuto anche quattro nomination agli Oscar: miglior film, miglior attore a Timothée Chalamet, miglior sceneggiatura non originale a James Ivory e miglior canzone a Sufjan Stevens per la sua Mistery of Love.

Come già avvenuto in altre occasioni di questo tipo le star hanno sfilato sul red carpet per solidarietà nei confronti del movimento di Hollywood "Time's up" contro le molestie sessuali. In verde invece Kate Middleton, in dolce attesa, accompagnata dal Principe William. La scelta molto discussa sul web, è dovuta all'impossibilità di assumere posizioni politiche da parte di un membro della famiglia reale.

L'attrice e attivista Emma Watson ha donato un milione di sterline per aiutare le vittime di abusi sessuali. Una donazione importante accompagnata da una lettera aperta firmata da 200 star del Regno Unito e dell'Irlanda.

Federica Fusco

immagine: variety.com

InfoOggi.it Il diritto di sapere