Banche: Alessio Villarosa, firmato decreto, rimborsi celeri. In 20 giorni piattaforma Consap

1062
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 10 MAGGIO - "E' stato predisposto e firmato il decreto Fir", cioè il decreto ministerial...

ROMA, 10 MAGGIO - "E' stato predisposto e firmato il decreto Fir", cioè il decreto ministeriale che rende operativo il Fondo per il rimborso dei risparmiatori coinvolti nelle crisi bancarie. Lo annuncia in una nota il sottosegretario al Mef Alessio Villarosa. "Consap renderà operativa, entro 20 giorni dalla pubblicazione del decreto, una piattaforma informatica" con "informazioni chiare e complete circa le modalità di presentazione della domanda e gli adempimenti necessari". La commissione tecnica disporrà i pagamenti "con la massima celerità".  

Villarosa nella nota ricorda che "possono accedere all'indennizzo forfettario le persone fisiche, l'imprenditore individuale, anche agricolo, e il coltivatore diretto, le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale, nonché, le microimprese. In sostituzione del risparmiatore originario possono accedere alla procedura di indennizzo anche i successori per causa di morte nonché i familiari - coniuge, convivente more uxorio o di fatto e parenti entro il secondo grado - che hanno acquisito la titolarità degli strumenti finanziari a seguito di trasferimento a titolo particolare con atto tra vivi".

"L'indennizzo - spiega ancora - è determinato nella misura del 30 per cento del costo di acquisto delle azioni, ivi inclusi gli oneri fiscali, entro il limite massimo complessivo di 100.000 euro per ciascun avente diritto, detratti gli eventuali importi ricevuti in relazione allo stesso strumento finanziario a titolo di altre forme di indennizzo, ristoro, rimborso o risarcimento comunque denominato".

Per le obbligazioni subordinate "che non hanno beneficiato delle prestazioni del Fondo di solidarietà, l'indennizzo è determinato nella misura del 95 per cento del costo di acquisto, inclusi gli oneri fiscali, entro il limite massimo complessivo di 100.000 euro per ciascun avente diritto". Anche in questo caso vanno detratte altre forme di indennizzo, ristoro, rimborso o risarcimento comunque denominato "nonché la differenza, se positiva, tra il rendimento degli strumenti finanziari subordinati e il rendimento di mercato di un Buono del Tesoro poliennale di durata equivalente comunicata dal Fitd".

I risparmiatori potranno "chiedere l'erogazione dell'indennizzo da parte del Fir presentandone istanza, debitamente sottoscritta nelle forme che verranno indicate dalla Commissione tecnica che sarà composta da esponenti di qualificata esperienza accademica o di patrocinio legale, o che abbiano svolto funzioni giurisdizionali ovvero decisionali presso organismi di composizione o risoluzione delle controversie. La Commissione disporrà il pagamento con la massima celerità, anche attraverso la predisposizione di piani di riparto parziale delle risorse disponibili e fino al loro esaurimento". "Il Movimento 5 Stelle ed il Governo - conclude Villarosa - hanno avuto a cuore la questione dei risparmiatori traditi fin dal primo momento e questo atto rappresenta l'esito dell'impegno assunto nonché il giusto rimedio ai pregiudizi subiti da ignari ed inconsapevoli cittadini".  

InfoOggi.it Il diritto di sapere