Banco Alimentare Unione Valdera e associazioni locali insieme per la Colletta Alimentare 2017

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PONTEDERA (PISA), 23 NOVEMBRE - Donare una parte della propria spesa a chi si trova di difficolt&agr...

PONTEDERA (PISA), 23 NOVEMBRE - Donare una parte della propria spesa a chi si trova di difficoltà. È questa l’idea che da 21 anni rappresenta il cuore della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, iniziativa che Sabato 25 Novembre coinvolgerà ben 14 supermercati dislocati nel territorio della Valdera.

Motore dell’evento è il Banco Alimentare, che opererà in collaborazione con l’Unione dei Comuni della Valdera e numerose associazioni locali.
Il concetto è molto semplice: chi si recherà a fare la spesa nell’intera giornata di Sabato troverà all’ingresso dei supermarket aderenti alla manifestazione volontari e volontarie, equipaggiati con apposite pettorine e sacchetti gialli.

L’invito rivolto a tutti gli acquirenti è quello di togliere dai propri carrelli qualche alimento a lunga conservazione, in particolare prodotti per l’infanzia, sughi e pelati, tonno in scatola, olio d’oliva, riso, legumi e biscotti, affinché possa arrivare, entro le prossime festività natalizie, nelle mani di chi non può permetterselo.

“Condividere i bisogni per condividere il senso della vita”. È questo lo slogan che riassume perfettamente lo spirito della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare – spiega Eugenio Leone, responsabile provinciale dell’iniziativa - Basta un semplice gesto di solidarietà per aggiungere un anello a quella catena di gratuità che Sabato 25 Novembre andremo a creare. Una catena che partirà dai supermercati, fino ad arrivare a chi, nelle nostre città, vive la povertà sulla propria pelle. Tutto ciò che sarà raccolto da volontarie e volontari, circa un migliaio impegnati nella provincia di Pisa, verrà consegnato a chi ne ha bisogno entro le due settimane successive all’evento. La distribuzione diretta avverrà tramite gli enti caritativi convenzionati con il Banco Alimentare, che in Valdera ammontano a 18”.

“La lunga esperienza che abbiamo alle spalle, da sempre sostenuta dall’Unione dei Comuni della Valdera, è incoraggiante – prosegue Leone -. Basti pensare che, in occasione dell’edizione 2016 della Giornata della Colletta Alimentare, sono state raccolte in Valdera ben 12 tonnellate di alimenti. Questa manifestazione si attesta dunque come un modo semplice, ma efficace, per rispondere in modo concreto alla domanda che proviene da fasce sempre più ampie di popolazione. La sua importanza non sta però solo nei numeri. Questa iniziativa contribuisce ad accorciare le distanze tra le persone, a creare ponti ed abbattere i muri dell’individualismo che sempre più dividono la nostra società. Da un gesto concreto, come quello di donare del cibo, può nascere una relazione, un contatto umano, in grado non solo di riempire lo stomaco, ma anche il cuore”.

L’adesione dell’Unione dei Comuni della Valdera a questa importante manifestazione è entusiastica e convinta, come spiega il Vicepresidente Marco Gherardini. “La povertà non è un problema lontano – afferma - Si tratta di una piaga che segna le nostre comunità e che ha bisogno di risposte concrete, proprio come la Colletta Alimentare. Questa iniziativa, che coinvolge allo stesso modo sia le grandi catene di supermercati, sia le realtà più piccole, mette in evidenza i valori che animano i nostri territori. Mi riferisco a quella solidarietà e a quello spirito di fratellanza che vengono quotidianamente tradotti in azioni e fatti dalle associazioni locali, a cui, sia come amministratori che come cittadini, siamo grati e offriamo il nostro supporto”.

A portare la sua testimonianza come “addetto ai lavori” anche il responsabile della distribuzione alimentare della Misericordia di Pontedera, Walter Busdraghi. “C’è bisogno dell’aiuto di tutti - incita - per portare avanti, giorno dopo giorno, l’attività delle molte realtà associative che offrono aiuto e sostengo a un numero crescente di persone e famiglie che si trovano in una condizione di povertà”.

L’iniziativa, che vanta l’alto patrocinio della Presidenze della Repubblica, coinvolge sul territorio nazionale oltre 145 mila volontari e volontarie, quasi 13.000 supermercati, e oltre 8 mila strutture caritative, impegnate ad aiutare più di 1.585.000 persone bisognose in Italia, di cui quasi 135.000 bambini fino a 5 anni.

L’invito è dunque a individuare i volontari e le volontarie in giallo che Sabato 25 Novembre presidieranno i punti vendita di molti supermercati della Valdera e approfittare dell’occasione per alleggerire il proprio carrello. Lasciare qualcosa che non è indispensabile a noi, ma che è importantissimo per qualcun altro.

FdV

InfoOggi.it Il diritto di sapere