Berlino, killer forse in Italia nel 2012

29
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BERLINO, 21 DICEMBRE - Prosegue la caccia all’uomo nei confronti del killer del mercato d...

BERLINO, 21 DICEMBRE - Prosegue la caccia all’uomo nei confronti del killer del mercato di natale di Berlino, il cui attentato ha provocato la morte di 12 persone e 48 feriti gravi. Una caccia che si fa sempre più intesa e concreta, considerati gli ultimi sviluppi. Secondo infatti le ultime ricostruzioni degli inquirenti vi sarebbe un nuovo sospettato, anche se non necessariamente il colpevole: è quanto riferito dal ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maizière.

Il mandato di cattura, valevole per tutta l’area Schengen, riguarderebbe un giovante tunisino di 21 anni (per altre fonti l’età è di 24) di nome Anis A. I suoi documenti sono stati ritrovati all’interno del tir utilizzato per la riuscita del gesto terroristico. Il killer si sarebbe impadronito del camion dopo aver vinto le resistenze di Kukasz Urban, 37enne alla guida, morto nel tentativo di sventare il terribile attentato.

Ma vi è di più: secondo la Sueddeutsche Zeitung, l’uomo sarebbe giunto e avrebbe presenziato in Italia nel 2012, prima del trasferimento in Germania nel 2015. Sarebbe poi stato fermato dalla polizia a causa del suo documento falso a Friedrichshafen, località al confine con la Svizzera. Attualmente, era invece registrato presso un centro per richiedenti asilo a Emmerich, sul Reno.

L’allerta resta massima: l’uomo sarebbe considerato infatti «armato e pericoloso». Anis A avrebbe inoltre utilizzato uno svariato numero di identità false ed era già stato indagato in quanto sospettato di progettare un grave reato nei confronti dello Stato: la conferma giunge dal ministro dell’Interno tedesco del Land, Ralf Laeger. Lo Spiegel riferisce inoltre di un arresto provvisorio, della durata di due giorni prima del rilascio definitivo, nel carcere di Ravensburg. Un uomo dunque ben noto agli inquirenti, dalla pericolosità piuttosto evidente. Si continua così a cercare, senza sosta, in attesa di ulteriori sviluppi.

Fiato sospeso per la 31enne italiana, Fabrizia Di Lorenzo, dispersa dopo la tragica notte del mercatino nei pressi della Chiesa del Ricordo, a Charlottenburg. I genitori sono a Berlino, giunti da Sulmona dopo aver perso le tracce della giovane figlia. L’altro ferito italiano è un palermitano di 34 anni, tornato oggi in patria con 25 punti di sutura. Sul luogo dell’attentato anche il ministro degli Esteri, Angelino Alfano.

 

foto da: urbanpost.it

Cosimo Cataleta

InfoOggi.it Il diritto di sapere