Cagliari: Giovedì al Teatro Sant'Eulalia Festa per il Natale Ortodosso e Greco-Cattolico

26
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 8 GENNAIO 2014 - La comunità russofona immigrata in Sardegna composta per la gran p...

CAGLIARI, 8 GENNAIO 2014 - La comunità russofona immigrata in Sardegna composta per la gran parte dalle migliaia di donne che con grande dedizione e spirito di sacrificio badano agli anziani, svolgendo un ruolo insostituibile nella società sarda, provenienti per la gran parte dall’Ucraina e in minore misura dalla Russia, Bielorussia, Moldova e altri paesi ex Sovietici, in questi giorni festeggia il Santo Natale, la cui data secondo il calendario liturgico della Chiesa Ortodossa e di quella Greco-Cattolica è fissata seguendo il vecchio calendario giuliano.

A Cagliari si sono svolte nei giorni 6-7 gennaio diverse funzioni liturgiche sia della Chiesa Ortodossa del Patriarcato di Mosca sia della Chiesa Greco-Cattolica. 

Giovedì 9 gennaio alle ore 16:15 presso il Teatro di Sant’Eulalia, sarà la volta del Concerto di Natale promosso dal Consolato onorario Bielorusso in Sardegna in collaborazione con la Biblioteca Russofona “Rodnoe Slovo”, l’Associazione “Sardegna Belarus”, l’Associazione “Sardegna Ucraina” e l’Associazione della Comunità Ucraina in Sardegna “Barvinok”, con il sostegno della Parrocchia di Sant’Eulalia.

La festa sarà aperta dai classici canti detti “Koliadki”, ossia melodie e canzoni dedicate al Natale. La tradizione dei “Koliadki” nel mondo slavo trova le sue origini nei tempi pagani! Nel periodo pre-cristiano il Dio Invernale del Sole era chiamato “Koliada”: la leggenda narra che gli antichi pagani nei giorni più corti dell’inverno pensassero che senza l’aiuto umano il sole non avrebbe potuto svegliarsi e prendere il sopravento sulle lunghe ore di buio! Tale compito di aiutanti del Sole fu preso da un gruppo di persone dette “Koliadovshiki”. Il fine dei “Koliadovshiki” era quello di ripulire l’animo dell’uomo dal male con l’aiuto di canzoni e musiche sacre.

Con il cristianesimo questa tradizione si è strettamente collegata con la Festa del Santo Natale. Da qui la tematica cristiana di queste composizioni musicali e melodiche chiamate “Koliadki”.

Il concerto oltre ai canti sacri natalizi eseguiti dal Coro della Parrocchia Ortodossa di San Saba il Santificato di Cagliari, prevede l’esibizione amatoriale di tanti esponenti della comunità immigrata fra i quali la lettura dei versi della poetessa ucraina Irene recitati dalla stessa autrice, l’esibizione con canzoni in ucraino, russo e bielorusso di Mikhail Novikau (Bielorussia) e di Mykola Tokarchuk (Ucraina)

Ma l’obbiettivo è semplicemente quello di creare un momento di incontro e di festa, così da sentire un po’ meno la nostalgia dei propri cari lontani e riscoprire quelle tradizioni che fanno intimamente parte delle proprie radici culturali e religiose.

Alla manifestazione porteranno i propri auguri e saluti Don Marco Lai, Parroco di Sant’Eulalia e Direttore della Caritas Diocesana, Viktor Horbatso della Chiesa Greco Cattolica Ucraina, Padre Mikhail Povaliaiev della Chiesa Ortodossa del Patriarcato di Mosca, Giuseppe Carboni Console onorario della Bielorussia e i rappresentanti di varie associazioni degli immigrati.

Notizia segnalata da Consolato on. Repubblica Belarus in Sardegna

InfoOggi.it Il diritto di sapere