Catanzaro. Droga: organizzazione legata a cosca 'ndrangheta Gallace

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO, 24 GIUGNO - Era legata alla cosca di 'ndrangheta dei Gallace, operativa a Guardavalle e c...

CATANZARO, 24 GIUGNO - Era legata alla cosca di 'ndrangheta dei Gallace, operativa a Guardavalle e con ramificazioni in altre regioni ed all'estero, l'organizzazione criminale dedita al traffico di droga smantellata stamani dai carabinieri che hanno eseguito 24 fermi disposti dalla Dda di Catanzaro. A capo dell'organizzazione, infatti, secondo gli investigatori, c'era Vincenzo Aloi, di 25 anni, nipote di Vincenzo Gallace, indicato come il capo della cosca.

Le indagini hanno permesso di documentare la gestione dell'attività di spaccio di cocaina, hascisc e marijuana, non solo nel soveratese ma anche nel milanese e nel maceratese. L'inchiesta, condotta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Soverato, con il supporto delle Stazioni di Guardavalle, Davoli, Soverato, Satriano, Cardinale e Gasperina, è stata avviata dopo il ritrovamento di un bidone contenente un notevole quantitativo di sostanza stupefacente, avvenuto nella periferia di Soverato nel marzo 2017, nell'ambito di un servizio di controllo.

Nel corso delle indagini sono state arrestate in flagranza di reato altre 7 persone, sequestrando oltre due chilogrammi di stupefacente di vario genere (cocaina, hascisc e marijuana) e un'arma clandestina con le relative munizioni. Inoltre, sono state registrate transazioni economiche inerenti ai traffici illeciti poste in essere dagli indagati per oltre mezzo milione di euro. Da qui il sequestro di beni per la stessa cifra tra i quali un esercizio commerciale, un capannone industriale, una barca, un appartamento, 4 autovetture, 16 conti correnti e depositi postali.

Stamani, a conclusione delle perquisizioni effettuate, sono stati arrestati in flagranza di reato due degli indagati, poiché trovati in possesso di cocaina, marijuana e hashish, e oltre 10.000 euro in contanti. All'operazione, oltre ai carabinieri della Compagnia di Soverato, hanno partecipato quelli del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Catanzaro e dei reparti territorialmente competenti, con la collaborazione dello Squadrone Eliportato Cacciatori, del Nucleo cinofili e del Nucleo elicotteri di Vibo Valentia.

InfoOggi.it Il diritto di sapere