Ciclismo, Van Avermaet si aggiudica la Tirreno-Adriatico 2016, a Cancellara la crono finale

39
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 15 MARZO 2016 - Si è conclusa con la vittoria di Greg van Avermaet ...

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 15 MARZO 2016 - Si è conclusa con la vittoria di Greg van Avermaet la 51° edizione della Tirreno-Adriatico. Il belga della BMC si è aggiudicato la classifica generale della corsa dei Due Mari per un solo secondo di vantaggio su Peter Sagan. Solo sesto Vincenzo Nibali, con 29 secondi di distacco. 

La cronometro individuale (e finale) di San Benedetto del Tronto (10,5 km) è andata invece al corridore svizzero Fabian Cancellara, specialista delle corse contro il tempo, che si è imposto davanti al francese Johan Le Bon e al tedesco Tony Martin, rispettivamente staccati di 13 e 15 secondi.

A suon di tweet

L’esito dell'edizione 2016 della corsa è stato condizionato dalla cancellazione della tappa regina, la quinta, annullata per maltempo. A seguito dell’annullamento della frazione di montagna non è mancata la polemica. Una polemica consumatasi soprattutto sui social, a suon di tweet. Protagonista Vincenzo Nibali, deluso per il mancato tris nella corsa dei Due Mari. Dopo la cancellazione della quinta tappa, infatti, l’atleta siciliano aveva affidato il suo rammarico e la sua rabbia ad un tweet, al quale aveva fatto seguito quello poco carino di Matt Brammeier, che in sostanza ha apostrofato Nibali dandogli dell’idiota.

Classifica finale

1. Greg Van Avermaet (Belgio/BMC Racing) 20:42:22"
2. Peter Sagan (Slovacchia/Tinkoff) +1"
3. Bob Jungels (Lussemburgo/Etixx - Quick-Step) +23"
4. Sebastien Reichenbach (Svizzera/FDJ) +24"
5. Thibaut Pinot (Francia/FDJ)
6. Vincenzo Nibali (Italia/ Astana) +29"
7. Zdenek Stybar (Repubblica Ceca/Etixx - Quick-Step) +33"
8. Michal Kwiatkowski (Polonia/Team Sky) +39"
9. Bauke Mollema (Olanda/Trek) +45"
10. Roman Kreuziger (Repubblica Ceca/Tinkoff) +48".


[foto: sport.sky.it]

Antonella Sica

InfoOggi.it Il diritto di sapere