• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Pagamento pensioni. Ecco come e quando recarsi alla Posta ‘PENSIONI DI APRILE 2020’

Lazio > Roma

ROMA, 24 MAR - Le pensioni del mese di aprile per i pensionati, titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution, saranno accreditate in anticipo il 26 marzo.

Se possiedi una carta Postamat, una Carta Libretto o una Postepay Evolution, ricordati che puoi prelevare in contanti da oltre 7.000 Postamat, senza recarti allo sportello.

Se, invece, non puoi evitare di ritirare la pensione in contanti in ufficio postale, sarà necessario presentarsi agli sportelli secondo la seguente ripartizione di cognomi:

  • Per gli uffici postali aperti tutti i giorni dal 26 marzo al 1° aprile:
26 marzo
giovedì
dalla alla B
27 marzo
venerdì
dalla alla D
28 marzo (mattina)
sabato
dalla alla K
30 marzo
lunedì
dalla alla O
31 marzo
martedì
dalla alla R
1 aprile
mercoledì
dalla alla Z
  • Per gli uffici postali aperti a giorni alterni dal 26 marzo al 1° aprile:


Uffici aperti lunedì, mercoledì e venerdì:

27 marzo
venerdì
dalla alla D
30 marzo
lunedì
dalla E alla O
1 aprile
mercoledì
dalla P alla Z



Uffici aperti martedì, giovedì e sabato:

26 marzo
giovedì
dalla alla D
28 marzo (mattina)
sabato
dalla alla O
31 marzo
martedì
dalla alla Z
  • Per gli uffici postali aperti eccezionalmente da giovedì 26 marzo a sabato 28:
26 marzo
giovedì
dalla alla D
27 marzo
venerdì
dalla alla O
28 marzo (mattina)
sabato
dalla alla Z
  • Per tutti gli uffici postali aperti in unica giornata su tutta la settimana, il pagamento sarà effettuato a tutte le lettere nella stessa giornata.

    Nell’attuale emergenza sanitaria, le nuove modalità di pagamento delle pensioni hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti di Poste Italiane.

    In questa fase, ciascuno è pertanto invitato ad entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili, in ogni caso avendo cura, ove possibile, di indossare dispositivi di protezione personale; di entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti; tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico.