Exor, la cassaforte della Famiglia Agnelli, trasferisce la sede legale in Olanda

85
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO - Exor, la holding controllata dalla famiglia Agnelli, trasferisce la propria sede legale in ...

TORINO - Exor, la holding controllata dalla famiglia Agnelli, trasferisce la propria sede legale in Olanda, come annunciato il 25 luglio dal Presidente ed Amministratore Delegato John Elkan. 

Una nota del Gruppo informa che - come già avvenuto per Fca, Cnh e Ferrari - il cda ha approvato il progetto di fusione transfrontaliera per incorporazione di Exor in Exor Holding Nv, società di diritto olandese interamente controllata da Exor che, all'esito della fusione sarà la nuova società holding.

Secondo quanto reso noto, il progetto approvato prevede che ogni azionista di Exor riceverà una azione ordinaria Exor Nv, che attribuirà un diritto di voto. Le azioni ordinarie Exor Nv saranno quotate esclusivamente sul Mercato telematico azionario organizzato e gestito da Borsa italiana.

"Negli ultimi dieci anni abbiamo continuato a semplificare la nostra organizzazione e a svilupparci seguendo l'evoluzione dei nostri business - dichiara John Elkann, presidente e amministratore delegato di Exor - I nostri principali investimenti hanno già riorganizzato le proprie strutture societarie per riflettere meglio la loro attività globale ed è quindi naturale che Exor si allinei a loro".

Secondo John Elkan, "la proposta che avanziamo oggi ci consente di ottenere una struttura societaria più semplice e rappresenta un ulteriore importante passo avanti nel percorso di sviluppo di una holding come Exor che opera in tutto il mondo. Inoltre il meccanismo di fidelizzazione incentiverà gli azionisti che investono sul lungo termine e sono felice che questo progetto abbia già ricevuto il sostegno di istituzioni e di imprenditori di grande successo a livello mondiale, alcuni dei quali siamo orgogliosi di avere gia' come attuali azionisti".

La mossa sembra essere gradita dal mercato: Exor segna +3,50%, mentre Fiat Chrysler sale del +4,08% e torna sui 6 euro.

Daniele Basili

immagine da autoblog.com

InfoOggi.it Il diritto di sapere