Fitet Sardegna: Cronache pongistiche del 17 ottobre 2019

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 17 OTTOBRE 2019 - A1 FEMMINILE: TEAM SARDI SCONFITTI Giornata magra di soddisfazioni pe...

CAGLIARI, 17 OTTOBRE 2019 - A1 FEMMINILE: TEAM SARDI SCONFITTI

Giornata magra di soddisfazioni per le due compagini isolane impegnate nel massimo campionato femminile. Nel big match della giornata le detentrici degli ultimi quattro scudetti (Castel Goffredo) hanno imposto la loro netta supremazia (4-0) nei confronti del Tennistavolo Norbello.

A pochi chilometri, nella cittadina di Bagnolo San Vito, la squadra di casa ha inflitto lo stesso risultato alla Quattro Mori Cagliari.

Il campionato riprenderà fra dieci giorni con il team guilcerino che ospita il Cortemaggiore (sabato 26 ottobre 2019) e il Quattro Mori che accoglie il Castel Goffredo (domenica h.10).

La quinta giornata di andata prevede il derbissimo sardo che è stato posticipato a domenica 24 novembre 2019 (Palatennistavolo via Crespellani, h. 10).

SERIE A2 MASCHILE: TENNISTAVOLO NORBELLO A PUNTEGGIO PIENO 

MARCOZZI BLU FRENATA A CASTEL GOFFREDO

ULTIMO POSTO PER LA MARCOZZI ROSSA

Il Castel Goffredo impone il pari alla Marcozzi Blu che non è più in vetta alla classifica del girone A, preceduta dal duo Reggio Emilia e Apuania Carrara. Sul match in terra mantovana parla il padrone di casa Luca Bressan: “Puntiamo alla promozione, anche se è complicato perché diverse squadre, sulla carta, sono più forti di noi. Tra cui la Marcozzi che abbiamo costretto al pareggio; ma poteva addirittura materializzarsi in una vittoria. Questo perché le combinazioni dei match a noi andavano molto bene. Ho cominciato io contro il nigeriano Shola Oyetayo che è andato avanti di due set; poi mi sono tranquillizzato ed ho capito come contrastarlo riuscendo a ribaltare la situazione. Con il primo punto in palio a nostro favore abbiamo acquistato fiducia nel prosieguo. Mio fratello Marco in passato ha sempre sofferto Maxim Kuznetsov, ci ha perso anche stavolta ma dentro di noi pensavamo che questa volta potesse farcela. Finisce secondo pronostico anche gara 3 con il mio compagno Alberto Redini che cede a Stefano Tomasi; ma mi consola constatare che anche in questo caso, come nel precedente, le vittorie cagliaritane non sono state scontatissime, nel senso che ci abbiamo creduto fino in fondo senza mai cadere nella rassegnazione. Contro Kutzetsov ci avevo vinto qualche anno fa in A1 e quindi ero fiducioso. Non è stata semplicissima ma sono riuscito a portare a casa la posta in palio. Poi Redini ha affrontato Oyetayo e quando ha fatto suo il primo parziale, pensavamo che potesse farcela. Poi però il nigeriano ha cominciato a potenziare il suo gioco buttando più palle dentro in svariati modi, segno che voleva vincere a tutti i costi. E così è stato. A quel punto ci siamo messi l’animo in pace perché davamo per certa la vittoria di Tomasi su Marco soprattutto per la rinomata esperienza del primo. Mio fratello fa suo il primo set, ma l’avversario con molta facilità si aggiudica il secondo. E lì ci siamo preoccupati perché pensavamo non potesse più uscirne. Però evitando errori e giocando con intelligenza, Marco ci ha regalato il definitivo pareggio che per noi è molto importante. In generale la nostra è stata una buona partita perché siamo stati ostinati anche quando ci siamo trovati in svantaggio. Avremo a che fare con squadre molto valide ma combatteremo con tutte”.

Nel girone B il Tennistavolo Norbello condivide la vetta della classifica a punteggio pieno con il Sant’Espedito Napoli. Ma vincere sul campo degli Alfieri di Romagna non è stato affatto semplice. “La partita è stata molto equilibrata – ammette il capitano del team sardo Catalin Negrila – con la loro giovane promessa Matteo Monaco che ci ha sorpreso riuscendo vincere con Lorenzo Ragni. Poi il mio compagno ha recuperato battendo Petrica Nita dopo una bella partita. Juan Lamadrid conferma il suo valore vincendo facile con il loro numero 1 Vladislav Sorbalo e con il numero 2 Alessandro Ruscelli. Dopo la prima partita con il moldavo giocata non brillantemente (persa 3-1) sono riuscito a vincere l'ultima con Monaco e concludere col 4-2 a nostro favore”.

Seconda sconfitta consecutiva per la Marcozzi Rossa che si arrende proprio contro la capolista napoletana. “E’ stata una partita difficile – commenta il lituano Benas Skirmantas – perché non l’abbiamo cominciata molto bene cedendo il primo punto al nigeriano Isiaka Kazeem. Poi Marco Antonio Cappuccio e Francesco Palmieri hanno giocato partite molto buone (contro Marco Poma) che associate alla mia vittoria su Stefano Curcio ci ha permesso di andare sul 3-1. Definire “pazza” la mia prestazione contro Kazeem penso che sia la parola più opportuna. Non è stata una delle mie migliori partite, ma l'ho affrontata psicologicamente molto bene e al quinto set sono riuscito a far felice me e la squadra. C’è stato un ottimo supporto da parte di tutti coloro che erano in sala, quindi penso che i tifosi ci abbiano davvero aiutato a vincere questa dura partita”.

SERIE B1/M: PRIMO STOP STAGIONALE PER IL TENNISTAVOLO SASSARI

L’ACSI Pisa espugna il campo del Tennistavolo Sassari e si assesta in vetta assieme al Pieve Emanuele. “È stata una partita molto equilibrata – racconta Alessio Zuanigh - giocata punto su punto. Soltanto un’ottima prestazione del nostro giovane numero 3 Lorenzo Galli , autore di due punti (sui forti Tonino Pinna e Marco Sarigu), ci ha garantito una vittoria comunque molto sofferta. Siamo arrivati in Sardegna rimaneggiati a causa dell'assenza del nostro numero 2 Maurizio Raspi e con Alberto Taccini, che lo ha sostituito, non al meglio a causa di un infortunio al braccio. Rimanendo uniti e concentrati fino alla fine otteniamo una vittoria importante in un campo difficile, sia per il valore degli avversari, sia per il calore del pubblico nel sostenerli. Sono convinto che poche squadre riusciranno a superare il Sassari nella loro palestra”. I tre punti turritani portano la firma del nigeriano Segun Olawale (2) e di Marco Sarigu.

SERIE B2/M: ARRIVA IL SUCCESSO TARGATO MURAVERESE ALL’ASCIUTTO SANTA TECLA NULVI E MURAVERA TT

Dopo due sconfitte consecutive casalinghe, giunge il riscatto della Muraverese che dopo nove incontri la spunta sul campo del Sant’Espedito Napoli. “Finalmente sono arrivati i primi 2 punti in classifica. – argomenta un soddisfatto Riccardo Lisci – su un campo di gara veramente ostico e il gran tifo da parte dei loro sostenitori, che a volte disturba ma altre volte "ti sveglia" dal torpore di partite interminabili. Nel primo incontro testa coda per età: Marcello Porcu 56 anni, contro il giovanissimo Giuseppe Calarco appena dodicenne. La differenza anagrafica non si nota per niente, in tutti i sensi; dal punto di vista fisico Marcello è sempre pronto e presente e quando si trova avanti al quinto set per 9-3 sembra fatta! Ma è qua che il dodicenne dimostra una mentalità da grande esperto, con delle giocate impensabili si riporta in partita e riesce a spuntarla ai vantaggi. Di seguito Francesco Lai gioca alla pari con il forte Scognamiglio, ma cede in un tiratissimo 3-1. Tocca a me tentare di riaprire il match, ma mi trovo davanti un altro giovane molto determinato, Massimiliano Persico, e non riesco ad imporre il mio gioco: perdo 3-0. Dopo circa novanta minuti di gioco ci troviamo sotto 3-0. Tutto lascia pensare che tra meno di un ora saremo tranquillamente seduti a mangiarci una bella pizza napoletana, e invece inizia un altro match. A dare il là è Marcello che si impone su Scognamiglio (n. 168 del ranking) per 3-1. Torno in campo io contro Calarco, ci metto un po’ a prendergli le misure, ma con un buon finale conquisto il secondo punto per noi. Francesco dopo un match combattutissimo con Persico ci porta in parità. Sul tre pari concedo veramente poco a Scognamiglio e il sorpasso è cosa fatta. Il match point è sulle mani di Marcello, ma non riesce proprio ad entrare in partita e perde facilmente con Persico. Il compito di chiudere questo incredibile incontro spetta a Francesco Lai e a Giuseppe Calarco. Allo scadere della quinta ora di gioco (ore 23,30) Francesco con una prova davvero ottima ci regala una soffertissima vittoria, ma per questo motivo ancora più esaltante. Per la cronaca la pizza anche se mangiata all'una di notte era buonissima”!

Nel campo gara di riserva di Sedini il S. Tecla Nulvi cede all’ Asd King Pong Coccinella Roma. Il sunto del capitolino Daniele Bianchi: “L’incontro tra il nigeriano, oramai sardo d'azione, Basiru Oladimedji, ed il giovane Caldarola è molto combattuto: la spunta al quinto set il pongista ospite 11-5. Poi il veterano Bianchi ha la meglio sul giovane mancino Francesco Ara (3-1). Segue una partita spettacolare tra Lusiano Perez ed Edoardo Loi: quest'ultimo si impone al quinto set (11-4). Match combattuto quello tra Oladimedji e Bianchi risoltosi al quinto set (11-9) a favore del pongista romano. Quinto incontro senza storia col netto successo del pongista decimese Loi (3-0), contro un pur bravo Caldarola. Nella sfida successiva netto successo di Perez su Francesco Ara (3-1). L'ultimo incontro, sicuramente il più intenso e tirato di tutta la sfida, mette a confronto i due numeri 1 delle rispettive formazioni, Loi e Bianchi. ll ritrovato talento sardo si è portato sul 10-7 al quinto set, ma ha dovuto subire il ritorno del veterano avversario che gli ha annullato quattro match point chiudendo la partita (13-11) e decretando il successo dei capitolini per 5-2.

Al PG Frassati portano bene le squadre del Sarrabus. Dopo il successo all’esordio in casa della Muraverese, i campani si ripetono nei propri confini. “Ottimo incontro che abbiamo fatto nostro ottimizzando al massimo il fattore casalingo – risalta Fabio Landolfi - con due punti per Vittorio Pappaianni (netti i 3-0 su Simone Cerza e Nicola Pisanu). Stesso punteggio totalizzato da Riccardo Varone, che vince contro Cerza e Simone Boi. Per concludere mio unico e ultimo punto per 3–1 contro Pisanu. Il Muravera ha una buona squadra che durante il campionato ha la possibilità di crescere e di dar sicuramente fastidio. Noi dobbiamo continuare a migliorare partita per partita con questa mentalità”.

SERIE C1/M: SEI SQUADRE SU SETTE AL COMANDO

Classifica atipica con il solo Tennistavolo Guspini a zero punti a differenza di tutte le altre avversarie che in due giornate hanno ottenuto almeno una vittoria. Tra loro c’è il Santa Tecla Nulvi che nel derby isolano, proprio con il TT Guspini, dimentica la prima fallimentare uscita stagionale. Artefice del successo il rinato Gian Carlo Carta che stimolato dallo sfidare i suoi concittadini ed ex compagni di scuderia realizza la sua personale tripletta a cui si aggiungono i punti singoli di Mario Bistrussu e Cesare Mozzi. Per gli ospiti successi personali di Michele Lai (2) e Francesco Broccia.

“Abbiamo dato vita ad una partita molto combattuta – precisa Gian Carlo Carta - contro una squadra ostica, dalla cultura sportiva molto alta e che non ti regala mai niente. Tanto di capello ai giocatori della mia ex società, ammirevoli perché danno sempre il massimo. Io ho fatto il mio, nonostante fossi a digiuno dallo scorso aprile, a parte qualche allenamento estivo, ma quando ti mancano i confronti ufficiali gli inizi dei campionati sono sempre un’incognita. Spero che queste tre vittorie mi diano la giusta euforia per rimettermi definitivamente in carreggiata. Il campo di riserva di Sedini non ha le stesse caratteristiche del palazzetto dello sport nulvese, quindi anche sotto questo profilo dovremmo abituarci.

Mario Bistrussu sta pagando la mancata attività degli ultimi anni, però si sta esprimendo bene ed i presupposti per disputare un ottimo campionato sono buoni. Aggiungiamo la grande esperienza di Cesare Mozzi che ci consente di formare un trio molto affiatato supportato da una società che in realtà è una famiglia perché ti mette a proprio agio e fa il possibile affinché si possa stare bene. La ringrazio perché in questi quattro anni è come se mi sentissi a casa mia. Farò il possibile per dare il massimo e ricambiare la loro enorme disponibilità”.

Successo netto della Muraverese che lascia un solo punto ai padroni di casa della Maccheroni Gegè Fruit. In questo caso si registrano le doppie marcature personali di Andrea Piras e Riccardo Dessì, cui si aggiunge il punto di Michele Buccoli.

“La partita si mette subito bene – rammenta Andrea Piras - grazie alla vittoria di Riccardo Dessi per 3-0 su Antonio di Silvio. Successivamente io gioco contro Cannilla Francesco e porto a casa un punto vincendo per 3-0. Michele Buccoli sigla un altro punto dopo una grande prestazione contro Luca Lizio. Sul 3-0 Riccardo Dessi porta un altro punto a casa vincendo per 3-0 su Cannilla. Nella partita successiva Michele Buccoli lotta contro Di Silvio, ma perde per 3-1. Sul 4-1 gioco io contro Luca Lizio, un avversario con il quale avevo perso due volte l'anno scorso. Però questa volta va nel migliore dei modi, vinco per 3-1 portando a casa due punti importantissimi. Grande soddisfazione quindi per questa vittoria che permette alla Muraverese di avanzare in un campionato veramente equilibrato”

SERIE C2/M: TENNISTAVOLO SASSARI AL DI SOPRA DELLE ALTRE

Con il successo ai danni del Tennistavolo Norbello la compagine sassarese si ritrova in vetta. Il commento di Luca Baraccani: “Si parte con la sfida tra Baraccani e Andrea Zuccato, che si chiude su un 3-1 abbastanza liscio per il sassarese. Tocca poi prima al rientrante Alberto Ticca contro Antonio Ledda, poi a Maurizio Ledda con Eleonora Trudu portare la compagine di casa sul tre a zero (vittorie rispettivamente per 3-1 e 3-0). Rientra in campo Ticca che dopo un incontro molto tirato, perde per 3-1 con l'ostico Zuccato. Chiudono le danze con doppio 3-0 Baraccani contro Trudu, poi Maurizio Ledda contro Antonio Ledda. Finisce 5-1 per la squadra di casa”.

Gara di livello a Ghilarza tra i padroni di casa del Guilcier e le sempre agguerrite tigri del Fermi Iglesias. “Partita disputata da entrambe le squadre con giusto spirito agonistico – rileva il sulcitano Bruno Pinna - che in alcuni momenti è sfociato in eccesso di nervosismo. La maturità derivante dall'età media dei giocatori in campo ha fatto superare brillantemente le discussioni sul regolamento, sostituendole con una prestazione sportiva equilibrata: sia in senso sportivo (come dimostra il risultato sul campo), sia in quello mentale. La partita finisce tre pari. Il beniamino di casa Briam Mele vince con me e con Roberto Pili. Lo stesso fa Giovanni  Siddu contro Ignazio Calderisi e Alessandro Faedda. Un punto a squadra, mio su Faedda e di Calderisi su Pili pareggiano il conto. Solo la mia partita con Briam e quella di Calderisi con Roberto, sono arrivate al quinto set, le altre, solo a tratti, si sono giocate punto su punto. La mancanza di allenamento (e l'età?) si sta facendo sentire in questo inizio di campionato. Stiamo recuperando lentamente. Fortunatamente le altre squadre in competizione per il titolo le affronteremo più avanti. Nel frattempo, però, dobbiamo cercare di limitare i danni”.

Pareggio tra Tennistavolo Azzurra e La Saetta Verde. Il resoconto di Alessandro Polese: “Un bel pomeriggio e un gran bell’incontro: questo il sunto della giornata di sabato che ha visto contrapporsi l’Azzurra e La Saetta Verde nel campionato di C2. Il primo incontro mi vede impegnato con Gianluca De Vita: riesco ad avere ragione con un secco 3-0, ma con non poche difficoltà dovute al fatto che Gianluca non molla mai e combatte sempre sino all’ultimo punto. Il secondo incontro vede protagonisti il mio compagno Maurizio Piano che sconfigge Alessandro Mercenaro abbastanza agevolmente, imponendosi con un secco e veloce 3-0. Il terzo incontro propone in campo Vincenzo Salustro e Alberto Manos: è quest’ultimo ad avere la meglio per 3-1, grazie soprattutto al suo gioco “fuori ordinanza” e molto efficace. È poi la volta di Gianluca De Vita che supera Maurizio Piano per 3-1; un incontro agguerrito e a tratti esaltante con scambi reciproci di “mine" e spiazzamenti dal tavolo. Nel quinto incontro ritorno a giocare con Alberto Manos, riuscendo a farlo mio per 3-1, non senza un buon barile di punti di fortuna, ma si sa… anche questo fa parte del gioco! L’ultimo incontro, quello del pareggio, è stato il più esaltante della serata. Vincenzo Salustro e Alessandro Mercenaro si sono affrontati ad armi pari e con una grinta e desiderio di vincere che raramente si riscontrano nelle prime partite di un campionato appena cominciato. Top spin, blocchi sul tavolo, tagli profondi e rincorse da una parte all’altra del tavolo hanno infuocato gli animi delle panchine che hanno seguito l’incontro con un grandissimo e rumoroso tifo. Una splendida serata. Grazie ad Alberto, Gianluca e Alessandro, nonché ai miei compagni, per aver reso onore a questo bellissimo sport!”.

Pronta ripresa del TT Decimomannu che muove la classifica ai danni de La Saetta Rossa.

“Non essendo disponibile alla prima di campionato – ricorda Marco Saiu - questa partita contro La Saetta Rossa era il mio esordio stagionale. Per di più con la nuova maglia del Decimomannu. Considerando il periodo difficile non mi aspettavo di riuscire a scamparla, invece anche grazie ai suggerimenti dei miei compagni di squadra sono perfino riuscito a vincere una partita. La nostra vittoria, tutt'altro che scontata, (nonostante il 5-1) iniziava con la sconfitta del buon Riccardo Rossi, ancora molto deluso dal suo esordio, contro il forte Lorenzo Piras che dopo un set di assestamento fa notare il suo ottimo stato di forma, senza subire il rovescio puntinato di Riccardo e porta in vantaggio il suo team. A questo punto c’è un Matteo Pala che partendo fortissimo, si aggiudica i primi due set su Marco Pisu. Fortunatamente il nostro numero uno si rimette in carreggiata, forte del suo superiore palleggio. Sull’uno pari gioco contro Matteo Lorrai, giocatore da colpi di categoria superiore, che però non riesce ancora ad esprimere continuità. Dopo i primi due set molto equilibrati, riesco a mettere a punto il dritto e chiudo sul 3-1 non senza rischiare un suo ritorno. Seguono tre bellissimi incontri, tutti molto equilibrati, a supporto della tesi secondo la quale il match poteva andare un po' ovunque. Pisu batte Piras rischiando tantissimo, Riccardo Rossi riesce solo nelle fasi finali del quinto set (in cui perdeva 4-0) a recuperare su Lorrai. E Mattia La Gaetana, subentrato a me, fa notare il suo ottimo stato di forma annichilendo il sempre generosissimo Pala, in vistosa ripresa dopo un infortunio alla mano. Avendo visto le formazioni delle squadre che partecipano a questa C2 penso ce ne siano due un pochino superiori alle altre (Iglesias e Sassari), due fortissime inseguitrici (La Saetta e Ghilarza), mentre per noi altre sarà una bella lotta per non retrocedere”.

SERIE D1/A: EMERGONO TENNISTAVOLO SASSARI E SPORTING LANUSEI

Un duo è al comando a punteggio pieno. Lo Sporting Lanusei va a vincere nel nord Sardegna. Match dissertato da Fabrizio Licciardi: “Prima trasferta ad Alghero per affrontare la squadra neo promossa composta da Salvatore Zinchiri, Antonio Spissu, Massimiliano Salis e Leonardo Paladino. Ci presentiamo in cinque con i giovani Elia Licciardi ed Emanuele Cuboni e i meno giovani Carlo Piroddi, Maurizio Cuboni ed io. Senza troppa strategia inizia Elia contro Spissu. La partita finisce 3-0 per il lanuseino che soffre solo nel primo set. Carlo incontra Salis e riesce facilmente a portare a casa il risultato. Emanuele gioca bene contro Zinchiri ma al quinto, sull'otto pari, stacca letteralmente la connessione e concede gli ultimi tre punti con errori piuttosto banali. Elia tarda a partire contro Salis ma alla fine riesce ad averne la meglio (3-1). Emanuele riesce a chiudere in tre set contro Spissu e Carlo sigilla il 5-1 contro Paladino, subentrato a Zinchiri. L'Alghero paga la poca esperienza in questa categoria. Nonostante tutto ci sono stati colpi di pregevole fattura ed i nostri ragazzi hanno dovuto sudare parecchio per avere la meglio. Ma c’è anche una nota positiva perché acquisiscono consapevolezza della propria forza anche se andrebbe migliorata ulteriormente la tattica. Da segnalare che sia io, sia Maurizio Cuboni, dopo la seconda giornata, siamo ancora al 100%. Pausa di una settimana e poi la trasferta verso Capoterra: consapevoli della loro forza, ci prepareremo al meglio”.

L’altra capolista, il Tennistavolo Sassari, non ha problemi contro il Neoneli. “Abbiamo incamerato altri due punti importanti – segnala Pierpaolo Mura - in vista degli scontri con squadre più ostiche. Questo fine settimana, nella nostra palestra di corso Cossiga, giocavano tre squadre: B1, C2 e noi, con in più il pubblico delle grandi occasioni. Non era semplice rimanere concentrati  perché le attenzioni andavano tutte nel seguire la partita al cardiopalma dei nostri portacolori in B1. Noi scendiamo in campo in formazione tipo. Io, Alberto Ganau e Luca Pinna. Gli avversari erano Stefano Conconi, Gianni Pintus e Ignazio Piras. Iniziano le danze Pinna e Conconi: vince Luca 3-0. A parte il primo set, terminato ai vantaggi ma a favore del mio compagno, dove Stefano ha cercato di contrastare Luca, gli altri due non hanno impensierito Luca, nei quali si è trovato sempre in vantaggio. Dopo tocca ad Alberto e Pintus: ogni volta che si incontrano è sempre una battaglia: Alberto vince il Primo set 12-10, il secondo 11-9. Quando sembra fatta, si registra il colpo di reni di Gianni che vince il terzo set 16/14. Idem nel quarto che vince 11-8. Qui la partita di scalda, complice qualche retina. Il quinto set vede Alberto vincere 12-10 nell'unica partita di tutta la serie combattuta fino alla fine. Dopo tocca a me con Piras: vinco agevolmente 3-0 e con lo stesso risultato conduciamo la gara. Tra Pinna e Pintus il primo vince 3-1 tranquillamente. Affronto Stefano in una sfida di solito delicata per il tipo di gioco espresso dall’ex Santa Tecla Nulvi: lui staziona un po' in difesa, un po' in attacco. Io per contro sbaglio poco e vinco. A questo punto loro fanno entrare Agostino Campanello: gioca con Alberto e nonostante fra i due ci sia una differenza abissale il capitano neonelese porta a casa il punto della bandiera vincendo 3-1. Risultato finale: 5-1 per noi. Con la pausa a disposizione, abbiamo il tempo per preparare la prossima partita con il San Orione Rosmarino, partita delicata per il proseguo del campionato”.

Pareggiano San Orione Rosmarino e Quattro Mori Cagliari. Nel club cagliaritano è stata protagonista Rossana Ferciug: “Ho fatto due punti vincendo entrambe le partite 3-0, prima contro Vito Moccia e poi contro Walter Barroi. Ero molto concentrata e sono andata in campo con la voglia di vincere per poter aiutare la squadra. Non mi aspettavo che la mia compagna Silvia Deligia perdesse da Federico Ibba: sarebbe stato un 4-2 per noi ma capita. Sarà un campionato abbastanza faticoso perché dobbiamo viaggiare tanto, andando addirittura fino a Sassari e dintorni. Ma sono felice di militare in questo girone perché così posso tornare più spesso nella città in cui sono nata”. Il terzo punto della formazione di via Crespellani lo confeziona Giuseppe Lepori, mentre in casa carboniese vanno registrate le segnature anche di Barroi (su Lepori) e Moccia (su Deligia).

Il pareggio tra Torrellas Blu e Alghero A nelle parole del capoterrese Celestino Pusceddu: “

Noi della Torrellas Capoterra Blu ci presentiamo con la nostra formazione al completo. Sono schierati: Massimo Carta; Felice Rasulo; Celestino Pusceddu; Luigi Congiu. Massimo Carta dovrà rinunciare a giocare per un fastidioso dolore al braccio destro. L’Alghero si presenta con la seguente formazione: Carmine Niolu, Salvatore Motzo e Emilio Albero. Niolu è sempre tosto e pur dando sempre l’impressione di non strafare ci rifila due sonore sconfitte, al sottoscritto e all’ancora poco allenato Luigi Congiu che si dovrà arrendere anche al buon Emilio Albero. Ci rimette in corsa Licio aggiudicandosi l’incontro con Salvatore Motzo. Dopo la mia vittoria ancora su Salvatore Motzo è l’ultimo incontro della serata il più bello di tutti e lo giocano Licio contro Emilio. Emilio gioca bene e si aggiudica il primo e terzo set. Licio tiene duro e si porta alla bella. L’ultimo set non è per deboli di cuore. Emilio parte a razzo e si porta sull’8 a 3. Sembra fatta. Ma poi succede qualcosa di imponderabile. Licio comincia a non sbagliare più nulla e Emilio comincia a sentire la pressione. Licio alla fine si aggiudica l’incontro per 11 a 8. Incredibile, ma a volte il nostro sport è così. Emilio è un grande sportivo e non se la prende (tutti dovremmo prendere esempio). Finisce 3 a 3. Ci rivedremo ad Alghero”.

SERIE D1/B: AZZURRA SOLITARIA

L’unica società a punteggio pieno è l’Azzurra Cagliari. Il suo presidente Gianni Pomata spiega le ragioni di questo inizio scoppiettante. “Va premesso che quest'anno ci stiamo allenando tutti regolarmente. Contro l'ASD TT La Saetta parte bene il nostro Guido Lampis che sfrutta a suo vantaggio il gioco falloso di Gianmichele Zanelli e mette a segno il primo punto per la squadra (3-1 il parziale). Quindi anche Massimo Atzeni vince senza grossi problemi contro Checco Mascia (3-0). Arriva il mio turno contro il sempre ostico Mariano Cossellu. Parto bene aggiudicandomi i primi due set e poi rischio la rimonta perdendo il terzo e vincendo ai vantaggi il quarto. La partita successiva viene gestita nettamente (3-0) dal nostro Atzeni, opposto a Zanelli. Ormai la sfida è nostra, ma non ci accontentiamo: dominiamo anche gli ultimi due incontri: Lampis su Cossellu ed io su Mascia”.

A Carbonia finisce 4-2 tra San Orione Rosmarino e Muravera TT. “Entrambe le squadre hanno disputato un’ottima gara” esordisce Enrico Bianciardi che poi si dedica ai dettagli.

“La prima partita è stata giocata da me e Michela Mura ed ha vinto Michela. Poi è stata la volta di Angelo Serri (contro Aurora Piras) che ha riportato il risultato in parità vincendo al quarto set. Nel terzo incontro i protagonisti sono Luciano Macri' e Alice Mattana: vince il mio compagno 3-0. Optiamo per una sostituzione: entra in campo Francesco Fara che ha avuto la meglio su Aurora, portando il risultato sul 3-1 per l'Orione. Rimangono due match ball a nostro favore per incamerare la vittoria. Il primo è stato annullato da Michela che prevale su Luciano al quarto set. L'ultima partita invece è stata disputata da Angelo che dopo cinque combattutissimi set ha avuto la meglio su Sara Congiu, subentrata al posto di Alice. I nostri complimenti alle ragazze di Muravera, come sempre bravissime e i nostri migliori saluti alla signora Francesca Saiu che non abbiamo avuto modo di salutare, perché andata via di fretta”.

Primi due punti per il Tennistavolo Monserrato che supera in trasferta lo Sporting Lanusei.

Parola a Marco Sanna: “Una vittoria importante in chiave salvezza per noi paluesi, ottenuta tutto sommato con una certa tranquillità, anche se il loro giocatore più forte, Cristian Esposito, è riuscito a battere sia me, sia Sandro Borea (in entrambi i casi per 3-2), dimostrando una certa solidità mentale, oltre che un bel gioco d’attacco. Il nostro giocatore più quotato, Riccardo Di Giovanni, ha fatto due punti senza perdere neanche un set, giocando contro i due Cuboni (Luca e Carlo). Gli altri punti per noi sono arrivati da Borea, con un tranquillo 3-0 contro Carlo Cuboni e da me nell’ultimo incontro con Giammarco Mereu (subentrato a Luca Cuboni) per 3-1. Devo dire che Giammarco mi ha dato del filo da torcere, nonostante lui giochi da poco più di due anni ed io abbia avuto il vantaggio di poter giocare “in piedi”.

La gara tra Torrellas Capoterra Gialla e Muraverese Tennistavolo sarà recuperata il 19 ottobre.

SERIE D2/D: ATLETICA SERRAMANNA E DECIMOMANNU ROSSA IN TANDEM

In due al comando. L’Atletica Serramanna si impone agevolmente sui baby de La Saetta Gialla. Tutti e sei gli incontri terminano 6-0 con le doppiette di Gianni Capaccioli (su He Lin Xuan e Riccardo Rao), Beniamino Pillitu (su Rao e Marco Di Girolamo), Pier Giorgio Murru (su Di Girolamo e Xuan). La settimana prima il team serramannese aveva battuto i piccoli dela Torrellas Gialla. La cronaca di Licio Rasulo: E' il 5 ottobre e dopo tre mesi di pausa ricominciano le battaglie degli incontri a squadre. La compagine locale schiera i carissimi amici Marcello Mocci, Beniamino Pillitu e Adriano Zucca mentre gli ospiti schierano Leonardo Rasulo, Leonardo Dessì, Sara Floris, Letizia Pusceddu e Benedetta Cingolani, tutti sotto i dieci anni e, ad eccezione del "veterano" Leo Rasulo che aveva già vissuto questa esperienza, tutti all'esordio in una competizione a squadre. Il risultato finale è stato un più che scontato 6-0 per i padroni di casa ma questo non deve far pensare ad una gara priva di emozioni, anzi. I piccoletti di Capoterra hanno sfoderato una grinta ed un agonismo tali da far emozionare fortemente, non solo, il tecnico Gabriele Aresu gli sparring e i genitori presenti ma anche gli avversari trasformando il match in una grande festa. Se il buongiorno si vede dal mattino... Un elogio particolare agli amici Marcello Mocci, Beniamino e Adriano Zucca per la pazienza, la disponibilità e la simpatia dimostrate. Il Serramanna sarà senza dubbio la squadra da battere in questo girone. Campioni di simpatia che meritano di confrontarsi ad un livello superiore. Buon campionato a tutti”.

Ma il Decimomannu non avrà alcuna intenzione di stare a guardare. Lo si deduce dall’analisi di Paolo Soraggi: “Derby a Decimomannu tra la formazione Rossa (Salvatore Garau, Efisio Sirigu, Pietro Ghiani e Paolo Soraggi) e la formazione Blu (Tomaso Fenu, Antonello Mura, Aldo Franceschi, Alessandro Amoroso e Francesco Mela). I derby costituiscono sempre un incontro particolare, ci conosciamo tutti, ci alleniamo spesso insieme e, sapevamo, che avrebbero venduto cara la pelle! La prima partita mi vede opposto al presidente: Tomaso gioca molto determinato con il suo gioco sempre fastidioso, vinco 3-1. Nella seconda partita Salvatore e Antonello danno vita ad un incontro tra due difensori, sebbene con caratteristiche differenti; la maggior propensione a qualche schiacciata e la maggior esperienza porta la formazione Rossa sul 2-0. Nella terza partita Efisio deve affrontare Aldo. Efisio è visibilmente in difficoltà contro un giocatore molto mobile che alterna un gioco corto (e accorto) a improvvisi allunghi tagliati e, appena la pallina lo permette, altrettanto improvvise e imprendibili schiacciate: 2-1. Entra in campo Pietro, al mio posto, e regola Alessandro (subentrato al posto di Antonello e ancora a corto di allenamento) con un perentorio 3-0. Efisio si riscatta contro Tomaso portando a casa il 4° punto con un sofferto e combattuto 3-1 dove qualche spunto interessante si è visto soprattutto da parte del perdente. A risultato acquisito Aldo dimostra di essere in grande forma e con un gioco molto simile a quello evidenziato nella terza partita riesce ad avere la meglio su Salvatore per 3-0. L’incontro si chiude sul 4-2”.

Per il derbissimo di Capoterra si esprime il tecnico Gabriele Aresu: “La formazione gialla si schiera con Leonardo Rasulo, Leonardo Dessì, Letizia Pusceddu, Sara Floris. Quella Blu è composta da Jacopo Pusceddu, Oriano Pusceddu, Edoardo Pusceddu e la new entry Matteo Sanna. Quasi tutto il nostro settore giovanile diviso in due squadre, in una delle quali militano due ragazze promettenti, senza nulla togliere a Benedetta Cingolani e Silvia Settembrini, assenti all'incontro. Vince la squadra blu per sei a zero, che comunque non ha dato una buona prova tecnica, forse perché si scontravano con i loro piccoli compagni di società. Al team in giallo non posso che fare i complimenti a i due Leo che mi hanno dimostrato di seguire alla lettera tutto ciò che facciamo in allenamento in particolar modo Leo Dessi, che mi ha fatto vedere un buon attacco, tanto da sfiorare la vittoria con Jacopo Pusceddu, portato sino al quinto set. Tanto di capello anche al settore femminile che ha mostrato molta grinta e voglia di primeggiare nonostante si scontrino con i maschietti. Brava Sara che con coraggio ci ha fatto vedere dei bei top spin, brava Letizia che dimostra sempre una grande grinta. Un settore giovanile che sicuramente ci farà vedere in futuro un buon tennis tavolo”.

Si accoda uno dei protagonisti, Oriano Pusceddu: “Vittoria prevedibile dei Blu contro i Gialli. Da segnalare l’ottima prestazione della squadra gialla con le nuove promesse Sara Floris e Letizia Pusceddu. Hanno giocato davvero molto bene anche Leonardo Dessì (che con Jacopo è arrivato sino al quinto set) e Leonardo Rasulo che opposto al nuovo arrivato della Torrellas Blu, Matteo Sanna, è comunque riuscito a vincere su un set. Bella partita”.

SERIE D2/E: IL BELLO DI ESSERE OLD 

Il secondo successo della Marcozzi Old le consente di stare al comando in solitudine. Avversari di turno i pongisti de La Saetta Bianca, sconfitti grazie ai punti di Raffaele Curcio (2) e Giuseppe Rossi (2). “Purtroppo è una sconfitta che ci sta con una squadra assolutamente favorita nel girone – ammette il saettino Simone Sebis - ma che allo stesso tempo poteva essere evitata se Mattia Pala fosse stato un po' più attento con Raffaele Curcio. Comunque cercheremo di prepararci per vincere la prossima partita col Muravera TT che è fra due settimane. Sconfitta a parte siamo tutti contenti perché Alessio Picciau prende un botto di punti avendo battuto Stefano Sedda e io ho fatto il mio dovere battendo Dzintars Lai”.

Il Decimomannu Gialla insegue ad un punto di distanza. Il resoconto di Marco Podda: “La seconda giornata ci vede impegnati, ancora in casa, contro la Muraverese Rossa. Inizio io e stavolta riesco a portare a casa entrambi gli incontri giocati: nel primo prevalgo per 3-1 su un Antonio Agostinelli comunque mai domo e che prova (senza riuscirci) a trascinarmi fino al quinto set, mentre nel secondo ho la meglio, sempre al quinto su Luca Paganelli che, sotto per 2-0, recupera sul 2-2 e quasi mi porta via la partita! Nelle altre sfide segnalo la doppia "ordinaria" vittoria di Daniele Pitzanti che si sbarazza senza patemi di Patrizia Ruani prima e di Agostinelli poi. Merita una citazione a parte l'incontro di Italo Fois che, al di là della vittoria, combattuta e meritata (al quinto set) contro Paganelli, segna l'atteso rientro in campo del nostro atleta che, dopo cinque mesi di sosta forzata, ha finalmente ripreso a giocare. Chiude la serata la partita di Fabio Ferrabue che senza troppi fronzoli porta a casa un secco 3-0 contro Ruani per il definitivo 6-0. Un arrivederci agli amici della Muraverese”.

Con lo stesso punteggio del team decimese anche il Muravera TT sconfigge il Cagliari TT. “La partita si è svolta nella sede della Marcozzi – spiega la super baby Francesca Seu – ed è iniziata con il punto degli avversari vinto da Giancarlo Fasano su Nicola Macis per 3-2. Siamo andati poi in situazione di pareggio grazie al mio punto realizzato sul concittadino Paolo Marinelli. Alessandra Stori ha portato la mia squadra in vantaggio battendo Aldo Puleo 3-1. Io realizzo il punto successivo avendo ragione di Curreli (3-1). La partita seguente la vince Macis su Puleo al quinto set. L’ultimo punto della sfida lo realizzano i nostri avversari grazie a Marinelli che si impone su Stori. Nonostante i due punti persi abbiamo comunque portato a casa la vittoria”.

La Muraverese Gialla si impone sul campo de La Saetta Blu. “Ci siamo presentati a Quartu con una formazione dall’età media di dieci anni – esamina il tecnico presidente Gian Luca Mattana – ma anche sul fronte avversario c’erano piccoli pongisti come Mattia Murtas, Riccardo Bucarella e Marco Loi. Non inganni il risultato finale di 5-1 a nostro favore perché il match è stato sostanzialmente in equilibrio, poi per la bravura dei miei atleti nei momenti topici l’abbiamo spostata a nostro favore. Simone Cocco se la vede con un avversario, Loi, che sa toccare bene la palla con molta sensibilità e se la cava molto bene col dritto. Il giocatore muraverese, però, è rimasto imperturbabile perché solitamente poco condizionabile dalle paure agonistiche; è stato attento a seguire alcune indicazioni riuscendo a portare la partita dalla sua vincendo 3-1. Questo punto ci è servito per proseguire con una verve agonistica ancora più marcata. Nel match successivo il locale Bucarella ha sofferto parecchio il servizio tagliato e il top a giro di mia figlia Eva che non ha faticato particolarmente nel darci il secondo punto della giornata. Di seguito Samuele Camboni ha prevalso su Murtas grazie ai suoi servizi carichi e i top: ho potuto riscontrare notevoli progressi nella sua condotta globale. Eva e Marco Loi hanno dato vita ad una gara entusiasmante con il padrone di casa che, non avendolo ancora messo a fuoco, ci sorprendeva con le schiacciate sugli attacchi carichi ma un po’ deboli dell’avversaria. Allora Eva ha cercato di difendersi spostando le offensive sul suo rovescio ma lui rispondeva con risposte tagliate da da dietro che davano molto fastidio. Eva ha vinto la seconda frazione ai vantaggi ed ha dominato nella terza. Poi ha registrato un calo e alla bella secondo me si è anche un po’ impaurita: dal 5-4 a suo favore non è riuscita più a giocare. Però Marco è stato molto bravo e gli faccio i complimenti. Di seguito a Simone Cocco sono bastati tre set per imporsi su Murtas e infine Camboni ha prevalso 3-0 su Buccarella giocando un buon tennistavolo. Devo dire che i miei sono cresciuti  e migliorati in quest’ultimo periodo. La sconfitta di Eva ci può stare perché Loi non è un avversario da prendere sottogamba. Questa è una vittoria che serve a galvanizzarli visto che in passato non erano abituati. E infatti nel viaggio di ritorno mi hanno chiesto che cosa potrà significare una novità di questo tipo. Spero che facciano un buon campionato”.

InfoOggi.it Il diritto di sapere