Gac Sardegna Orientale: i responsi di "Tu come la vedi?"

54
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORTOLI', 7 GENNAIO 2016 - L’amore per il mare e le sue risorse è lampante. ...

 TORTOLI', 7 GENNAIO 2016 - L’amore per il mare e le sue risorse è lampante. Cinquanta studenti medi lo hanno risaltato con grande slancio nella due giorni che il GAC Sardegna Orientale ha programmato presso le scuole che hanno aderito al concorso “Tu come la vedi ?”. Ai protagonisti è stato chiesto di individuare particolari aspetti ambientali da poter valorizzare ai fini di uno sviluppo territoriale e locale. Tra le tante idee emerse, quella di creare degli itinerari subacquei che convergano in punti di interesse sottomarini; o l’istituzione di un blog che quotidianamente racconti aspetti più o meno reconditi delle zone legate al Gruppo Azione Costiera.
In un’altra fase dell’incontro i ragazzi, suddivisi in gruppi non superiori a dieci persone, hanno ipotizzato come il Gac SO avrebbe potuto collaborare con loro in chiave futura, dopo aver terminato la scuola.
Al concorso aderiscono quattro scuole, tutte provenienti da Tortolì, comune che tra l’altro ospita la sede del Gruppo. Quaranta hanno come insegnante di riferimento Luisa Balzano e provengono dall’Istituto di Istruzione Superiore I.T.I, così distribuiti: 17 dalla Terza Liceo Scientifico, 14 dalla Terza Liceo Classico, 5 dalla Quarta Istituto Tecnico Indirizzo Chimico e 4 dalla Quinta Istituto Tecnico Indirizzo Chimico. I restanti 19 frequentano la Seconda Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera dell’Istituto Professionale di Stato (IPSAR), guidati dalla docente Donata Demontis.

GLI STUDENTI SANNO SORPRENDERE

L’organizzazione degli incontri scolastici è stata affidata a due collaboratrici del GAC SO: Sara Melis e Claudia Dessy. Hanno presentato una traccia di lavoro che spiegava obiettivi, azioni e finalità del Gruppo d’Azione Costiera. Di seguito è stato proiettato il video su un’escursione di Pescaturismo a Villasimius: protagonisti gli alunni dell’IPSAR che in primavera disegnarono il logo del GAC dei Ragazzi, aggiudicandosi il primo premio del concorso ad esso correlato.
Le discussioni che sono emerse hanno avuto un riscontro positivo e le idee scaturite saranno elencate nel report finale, da presentare nelle prossime settimane e che di fatto spianerà il programma da attivare con le scuole nella programmazione 2014 – 2020.
Al termine delle adunate è stato distribuito un questionario finale di gradimento. E a conferma di ciò che era affiorato in precedenza, i discenti hanno manifestato il loro interesse per le attività del GAC, maturato dopo un proficuo confronto con i propri compagni di classe e articolato in assoluta autonomia.
Al termine quasi tutti hanno manifestato la volontà di partecipare alle attività legate al GAC dei Giovani che non si esaurisce con il PSL “Sardegna Orientale verso il 2020” ma continuerà ad operare con iniziative dedicate nel prossimo futuro.

ALTRE IDEE DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE

I ragazzi coinvolti sono particolarmente attenti agli aspetti legati al rispetto dell’ambiente e alla sua tutela, consapevoli che le bellezze naturalistiche del territorio in cui agisce il GAC SO siano un attrattore economico e in quanto tale, da valorizzare e preservare. Infatti diverse sono state le proposte legate all’attivazione di progetti relativi alla pulizia delle coste e dei siti archeologici, o al recupero e restauro di vecchi caseggiati abbandonati per riutilizzarli come musei della cultura del mare e del territorio e botteghe artigiane dove poter trovare i prodotti locali. Qualcuno ha invece prospettato dei momenti di incontro con i pescatori che possano raccontare le loro esperienze di lavoro e i risvolti della pesca tradizionale. Proprio il creare conoscenza e il tramandare e trasmettere le tradizioni locali, sono stati individuati come elementi di fondamentale importanza, sia per aumentare il livello di formazione dei residenti, sia come attività da svolgere con i turisti.

LA DISAMINA DEGLI ADULTI

Le due operatrici del GAC hanno colpito i presenti per la loro indiscutibile professionalità, e sono rimaste molto soddisfatte dall’entusiasmo degli adolescenti. “Dimostrano molto interesse per le attività che il GAC sta portando avanti – ha dichiarato Claudia Dessy - e per le tematiche di cui ci occupiamo. Abbiamo avuto l’occasione di stimolare la loro creatività e di coinvolgerli su un argomento molto importante come lo sviluppo locale del territorio, certamente un tema di non facile approccio per i ragazzi giovani di quell’età ma che se interessati possono dare il loro contributo esponendo le loro idee e le loro proposte” Sulla stessa lunghezza d’onda anche la sua collega Sara Melis: “Non mi aspettavo un tale interesse, anche perché in poco tempo è difficile far capire esattamente quali siano le potenzialità del GAC. Invece i ragazzi sono stati molto bravi nello sviluppare una serie di ragionamenti che ha interessato il territorio costiero e tutto ciò che da esso si può trarre per creare economia. Ma soprattutto colpisce come si sentissero coinvolti direttamente nell’attuare queste strategie imprenditoriali. E non è scontato che alla fine dell’incontro il 98%dei partecipanti abbiano espresso il desiderio di voler continuare più avanti l’esperienza del Gac dei giovani”.
Pareri positivi anche da parte del corpo docente: “È certamente un'esperienza positiva che sono certa maturerà nel tempo – argomenta l’insegnate dell’IPSAR Donata Demontis - i partecipanti sono inesperti su più fronti del progetto, ma come tutti i giovani, hanno capacità nascoste che potrebbero stupirci. È molto importante insegnare loro ad amare il territorio rispettandolo e valorizzandolo. Grazie GAC !”
Dice la sua anche il direttore del Gac Sardegna Orientale Davide Cao: “Diversi mesi fa abbiamo intrapreso un ampio progetto di sensibilizzazione e diffusione della conoscenza dei territori lagunari; questo è il GAC dei Giovani. Siamo convinti che replicare con gli studenti le metodologie di lavoro partecipative che contraddistinguono organismi come quello che rappresento, sia un punto essenziale per passare da un’idea di sviluppo locale alla sua concreta realizzazione. I giovani sono il futuro delle nostre terre e dei nostri mari: dobbiamo renderli partecipi delle idee degli adulti e recepire le loro”.

Tutte le informazioni riguardanti il Gac Sardegna Orientale si possono leggere sul sito:
www.flag-sardegnaorientale.it/ e sulla pagina www.facebook.com/gacsardegnaorientale

InfoOggi.it Il diritto di sapere