Giornata mondiale contro la corruzione, Mattarella: "Sconfiggere questo cancro è possibile"

65
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 09 DICEMBRE 2015 – «Sconfiggere la corruzione, spezzare le catene della complicit&...

ROMA, 09 DICEMBRE 2015 – «Sconfiggere la corruzione, spezzare le catene della complicità, liberare la vita sociale da questo cancro è possibile. Corruzione, complicità e illegalità non sono fenomeni connaturati alle nostre società. È vero piuttosto che occorre essere attivi in questo campo, che dobbiamo porci obiettivi elevati sul piano della moralità pubblica e del senso civico». È l’auspicio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, diffuso attraverso una nota in occasione della Giornata mondiale contro la corruzione che si celebra oggi.

Istituita tre anni addietro dalle Nazioni Unite, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema globale della corruzione, lo slogan del 2015 è appunto Spezziamo le catene della corruzione. «La lotta alla corruzione, in particolare nella sua dimensione internazionale, costituisce – sottolinea Mattarella – un importante contributo alla causa della pace e della cooperazione tra i popoli». «Si può e si deve reagire – prosegue – a questa inaccettabile forma di oppressione», a questo «furto di democrazia», che «inquina le istituzioni, altera ogni principio di equità», sul piano dell’economia e della giustizia, penalizzando «ancor di più i poveri e le persone deboli» e spianando il terreno alle «organizzazioni criminali». 

Il presidente crede che «Sconfiggere le mafie è alla nostra portata». Fortunatamente, a suo avviso, nella società civile sono presenti «numerosi anticorpi», richiamandosi al senso di responsabilità dei cittadini, di funzionari pubblici, volontari, di quanti «costruiscono reti di solidarietà e di inclusione sociale». 

Domenico Carelli

(Foto: myidealpal.blogspot.com)

InfoOggi.it Il diritto di sapere