• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Grecia, sabato nuovo vertice Ue. Il premier Renzi fiducioso sull'accordo

Umbria

BRUXELLES, 26 GIUGNO 2015 – Il premier Matteo Renzi, nelle scorse ore, da Buxelles, a margine della prima sessione di lavori del Consiglio europeo, si è detto «fiducioso» sulla possibilità di raggiungere un accordo in merito alla crisi ellenica, che «permetta alla Grecia di mantenersi dentro l’Eurozona, un valore condiviso da tutti».[MORE]

«Penso - ha aggiunto - che l'approccio al problema greco sia in questo momento molto difficoltoso per varie ragioni. Noi supportiamo gli sforzi del Governo greco di trovare un accordo con le istituzioni europee e allo stesso tempo conosciamo l'importanza per ognuno di mantenere la Grecia nell'Eurozona».

In tal senso, il presidente del Consiglio ha precisato: «penso che il giorno decisivo sarà sabato» (sabato 27 giugno), data in cui è in programma il prossimo vertice all’Eurogruppo, dopo l’ennesimo nulla di fatto all’incontro di ieri (il quarto nell’arco della settimana) sul fronte della negoziazione del debito per Atene, e a soli tre giorni dalla scadenza del 30 giugno, entro la quale il governo di Alexis Tsipras dovrà restituire 1,6 miliardi di euro al Fondo Monetario Internazionale, al fine di scongiurare il default. Se invece tale ipotesi non dovesse verificarsi, «a quel punto Atene sarebbe immediatamente considerata in arretrato», ha spiegato Gerry Rice, responsabile della comunicazione del Fmi.

Dal canto suo, il cancelliere tedesco Angela Merkel, concorda con la posizione di Renzi nel ritenere “decisiva” la partita di domani, escludendo però la possibilità di recuperare altri fondi per il piano di aiuti internazionali (7,2 miliardi di euro).

Intanto, in giornata, secondo quanto riferito da un funzionario del governo ellenico, è previsto un incontro tra il premier greco Alexis Tsipras e il cancelliere tedesco, al quale prenderà parte anche il presidente francese Francois Hollande.

Domenico Carelli

(Foto: lapresse.it)