Grecia, trionfo di Tsipras: i mercati risentono del risultato elettorale

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ATENE, 26 GENNAIO 2015 - Le elezioni in Grecia hanno portato alla vittoria Syriza, il partito di sin...

ATENE, 26 GENNAIO 2015 - Le elezioni in Grecia hanno portato alla vittoria Syriza, il partito di sinistra radicale guidato dal leader Alexis Tsipras. I dati ufficiali, dopo lo spoglio durato per tutta la notte, parlano di una vittoria con il 36,34%, pari a 149 deputati.

Così il leader di Syriza, subito dopo il risultato ottenuto, ha dichiarato: "Troveremo con l'Europa una nuova soluzione per far uscire la Grecia dal circolo vizioso dell'austerità e per far tornare a crescere l'Europa. La Grecia presenterà ora nuove proposte, un nuovo piano radicale per i prossimi 4 anni". "I greci hanno mostrato la strada del cambiamento all'Europa", ha dichiarato Alexis Tsipras.

L'effetto delle elezioni in Grecia e della vittoria del partito anti-austerità

I risultati delle elezioni in Grecia, che hanno visto il trionfo di Syriza, hanno avuto degli effetti sulle Borse europee e su quelle asiatiche. Partendo, intanto, dalla Grecia, il tasso del decennale greco di riferimento è visto in rialzo al 9,10%, nell'ambito delle contrattazioni che precedono l'apertura del mercato. Il benchmark a 10 anni ellenico è dato, infatti, in rialzo di 41 punti base. Poco prima delle 9.00, poi, il contratto sul Bund con scadenza a marzo è visto in rialzo di circa 10 tick a 158,85, mentre il derivato sul Btp cede a 138,62. 

Per quanto riguarda l'euro questo torna a recuperare, ed ai primi scambi sui mercati passa a 1,1206 contro il dollaro e a 1,324 sullo yen, mentre le borse europee sono attese in calo fino all'1%. Lo spread tra Btp e Bund apre in rialzo, e alle prime battute è a 120 punti, contro i 116 della chiusura dello scorso venerdì, ed il rendimento è all'1,54%.

I risultati delle elezioni in Grecia pesano sulla Borsa di Tokyo, dove, dopo un avvio in calo, si avrà una chiusura a -0,25%. Hong Kong chiude a -0,07%. L'indice Nikkei, inoltre, cede appena 43,23 punti, a quota 17.468,52.

Intanto il prezzo del petrolio in avvio di settimana precipita, e i contratti sul greggio Wti con scadenza a marzo vengono scambiati a 44,35 dollari al barile.
 

(Foto dal sito politika.cl)

Katia Portovenero

InfoOggi.it Il diritto di sapere