I.C. CZ Nord Est Manzoni progetto lettura. Storie per crescere insieme

804
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO, 30 MAGGIO - Da pochi giorni, presso l’Istituto Comprensivo Catanzaro Nord Est Manzoni, ...

CATANZARO, 30 MAGGIO - Da pochi giorni, presso l’Istituto Comprensivo Catanzaro Nord Est Manzoni, si è conclusa la seconda tappa del progetto di lettura inaugurato nel corrente anno scolastico, allo scopo di avvicinare i giovani alunni ai libri. Negli scorsi mesi i bambini delle classi prime e seconde della scuola primaria, hanno letto con la supervisione delle insegnanti un libro speciale: si tratta di “Storie di Marinella” di Miriam Gentile (Cavinato Editore), un’alunna dello stesso Istituto, impegnata da tempo in un percorso di crescita educativo-didattico in cui scuola e famiglia hanno costantemente interagito, al solo fine di realizzare a pieno quel patto educativo che le due agenzie stipulano fin dal primo giorno di frequenza scolastica.

Il lavoro intrapreso da Miriam, costantemente sostenuto dalla madre e da un’equipe pedagogica d’alto profilo, oltre che esercizio di scrittura è stato atto di interpretazione del mondo circostante, attraverso l’accostamento di piccoli tasselli, immagini, parole, suoni. La lettura  è stata  da sempre per Miriam quintessenza di una relazione significativa, un circolo virtuoso di attenzione, comprensione, sintonia che ha  rafforzato la sensibilità, la fiducia in se stessa e non in ultimo le competenze genitoriali: parlare a bassa voce per entrare meglio nella storia, o alzarla quando la storia lo richiede, per scatenare risate o sobbalzare insieme dallo spavento.

In questa fase elaborativa trova il suo spazio ideale l’azione della scuola, che completa la sfera intima del mondo personale con quella sociale, nello scambio empatico con l’altro, sia esso un adulto o un bambino. I racconti sono stati, infatti, condivisi e discussi in un confronto dinamico nelle classi dei plessi Siano Nord, Siano Sud e Ianò, con grande partecipazione degli alunni e dell’autrice. A rendere ancor più magico il momento della restituzione all’altro, è stata la realizzazione di un elaborato a più mani che Miriam, con l’aiuto dei compagni ha voluto donare alla sua amata scuola. Questo quadro è il risultato di un gioco splendido di colori e di fusione d’intenti, verso un significato più alto: lavorare insieme ed in maniera inclusiva si può, è appagante, da gioia de aiuta a credere nelle proprie potenzialità e negli altri.

Visualizza la fotogallery

InfoOggi.it Il diritto di sapere