• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Il sangue di Natuzza si fa scrittura

Calabria > Vibo Valentia

“Il sangue di Natuzza si fa scrittura”Venerdì al Guglielmo la presentazione del toccante libro scritto da Bisantis, Frontera e Perticone
VIBO VALENTIA 18 FEB -  Natuzza Evolo o, semplicemente, Mamma Natuzza...Il solo nome provoca grande emozione per i milioni di fedeli sparsi nel mondo.
Tre persone, legate in diverso modo alla mistica di Paravati, hanno scritto un libro molto coinvolgente che verrà presentato venerdì 21 febbraio, alle ore 17.30, all'Hotel Guglielmo di Catanzaro in un importante appuntamento promosso dal Rotary Club Catanzaro e dal Lions Club Catanzaro Temesa.

“Il sangue di Natuzza si fa scrittura. La verità sulle emografie” è il titolo del volume di Lucia Bisantis, Franco Frontera e Francesco Perticone, curato dal giornalista Arcangelo Badolati e pubblicato da Luigi Pellegrini Editore.

Francesco Frontera e Francesco Perticone, con l'obiettività del medico e l'animo del credente,  hanno analizzato il DNA della mistica, lo hanno confrontato con le sue "emografie" e sono giunti ad una verità che raccontano attraverso referti, documenti ufficiali, foto inedite delle emografie; con la presenza anche di commoventi stralci delle conversazioni tra la mistica, la Madre di Dio e Gesù. Lucia Bisantis, invece,  è stata accanto a Natuzza durante i frequenti ricoveri e ha donato la sua testimonianza vissuta nell'intimità dell'amicizia.

L'incontro, moderato da Domenico Gareri, sarà aperto da Giuseppe Mazzei e Francesco Perticone, rispettivamente presidente del Rotary Club Catanzaro e del Lions Club Catanzaro Temesa. Interverranno Mons. Vincenzo Bertolone, Arcivescovo di Catanzaro-Squillace, dello stesso Perticone, in qualità di autore e di prof. di Medicina Interna alla Facoltà di Medicina dell'Umg di Catanzaro e di Guido Giarelli, prof. di Sociologia Generale alla Facoltà di Medicina dell'Umg.

Seguianno numerose testimonianze di medici e fedeli che hanno conosciuto "Mamma Natuzza".