• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Parigi, Macron incontra Netanyahu e si oppone alla decisione unilaterale di Trump

Liguria

PARIGI, 10 DICEMBRE - Il presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto oggi a Parigi il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, durante il clima di tensione in Medio Oriente per la decisione degli Stati Uniti di considerare Gerusalemme la capitale dello stato ebraico e spostarvi la sua ambasciata.[MORE]

Macron ritiene "spiacevole" la svolta data dal presidente americano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, al di fuori del negoziato coi palestinesi. Durante la conferenza stampa, Macron invita l'ospite a fare “un gesto coraggioso verso i palestinesi. Auspico due Stati che vivano vicini e in pace", afferma il presidente francese.

Dal canto suo, Netanyahu sostiene che "Gerusalemme è capitale da 3000 anni". In merito alle critiche pervenute da parte del leader turco Erdogan, Netanyahu replica: "Non sono abituato a ricevere lezioni di morale da un leader che bombarda e uccide gente innocente".

Dopo l’incontro di Parigi, Netanyahu sarà ricevuto domani a Bruxelles dai ministri degli Esteri Ue per affrontare la situazione del processo di pace in Medio Oriente in seguito alla controversa decisione di Washington. Prima di partire per il suo viaggio in Europa, il primo ministro israeliano ha accusato l'Ue di ipocrisia in quanto non avrebbe sentito "alcuna condanna del lancio di razzi contro Israele che è seguito e il terribile incitamento contro di noi".

Durante l'incontro in Francia, Macron riferisce a Netanyahu "che la Francia disapprova la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele e di spostare l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme".

"La Francia ha ribadito il suo impegno a rispettare il diritto internazionale e le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Gerusalemme è destinata a diventare la capitale di due Stati, Israele e Palestina, a condizioni che appartengono ai palestinesi e agli israeliani sulla base di un negoziato".

 

Luna Isabella

(foto da autofresh.net)