Melendugno (LE) strade bloccate per consentire trasporto 'talpa' microtunnel

242
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LECCE, 10 GENNAIO – Una sorta di ‘zona rossa’ è stata creata la scorsa notte dalla 23 a...

LECCE, 10 GENNAIO – Una  sorta di ‘zona rossa’ è stata creata la scorsa notte dalla 23 alle 5 di  questa mattina al fine di consentire il trasporto della speciale ‘fresa  meccanica’ soprannominata ‘talpa’ che consentirà di trivellare il  sottosuolo nel quale sarà collocato il microtunnel del gasdotto Tap, che  trasporterà il gas dall'Azerbaijan nel Salento.

L'ordinanza  emanata dalla prefetta di Lecce, Maria Teresa Cucinotta, è stata  notificata poco prima delle 23 di ieri al Comune di Melendugno (LE).  Diverse centinaia di uomini delle diverse forze di polizia, in assetto  antisommossa, hanno interrotto il transito sulle strade che incrociano  quella su cui è stato effettuato il trasporto eccezionale, in direzione  del cantiere di San Basilio, per evitare "accesso e transito ai  veicoli".

Alcune decine di  manifestanti hanno presidiato comunque la la zona, manifestando  lamentele per alcunii interventi “censori” da parte di alcuni  poliziotti, i quali avrebbero cercato di impedire che venissero  effettuate foto e riprese. Il consistente numero di agenti ha interdetto  con successo l’avvicinamento ai mezzi. La decisione di istituire una  "zona rossa" momentanea é stata adottata dal ‘Comitato provinciale per  l'ordine e la sicurezza pubblica di Lecce’ il 7 gennaio ultimo scorso,  su proposta del questore Leopoldo Laricchia, preso atto che "il  territorio interessato dalla costruzione dell'opera continua ad essere  connotato da manifestazioni di opposizione, che assumono caratteri  violenti e ad alto contenuto di pericolosità per l'ordine e la sicurezza  pubblica". "Non si può comprendere e tollerare una sospensione della  libertà di circolazione e della Costituzione in questa parte d'Italia” -  ha commentato il sindaco di Melendugno, Marco Poti - “c'è un tranquillo  paese militarizzato, bloccato e offeso, mentre lo Stato italiano  difende un'opera di un'azienda privata su cui sono in corso indagini  della magistratura penale per possibili violazioni di legge”.

Fonte immagine: trmnews



InfoOggi.it Il diritto di sapere