• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Meteo: Oggi arrivano le prime piogge. Ecco dove, l’evoluzione

Calabria > Catanzaro

L'ottobrata africana in corso sull'Italia è quasi agli sgoccioli e sarà presto un ricordo. Nelle prossime ore, infatti, l'area di alta pressione di matrice sub-tropicale che ha surriscaldato l'area mediterranea, comincerà a dare i primi segnali di cedimento, lasciando maggiore spazio non solo ad un aumento delle nubi, ma anche al ritorno della pioggia. Niente di strano. Nel mese di ottobre è del tutto normale che si verifichino dei mutamenti, talvolta anche repentini.

Un primo cambiamento interesserà le regioni settentrionali, già da giovedì 22, con il flusso umido atlantico provocherà una maggiore copertura nuvolosa, accompagnata pure da alcune precipitazioni, che colpiranno il Nordovest e in particolare Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, nonché i settori occidentali di Lombardia ed Emilia. Per carità, non si tratterà di piogge particolarmente intense, ma sicuramente su questi settori sarà buona norma tenere un ombrello a portata di mano, mentre il quadro climatico non subirà particolari scossoni, mantenendosi comunque gradevolmente mite, soprattutto di giorno.

In questo frangente, andrà invece meglio al Sud e su gran parte del Centro, che non solo vedranno un ampio soleggiamento, ma che potranno ancora godere di alcuni scampoli quasi estivi, con temperature intorno ai 27/28°C, ma con picchi di 30°C su alcun settori interni della Sicilia. Ma anche qui sarà solamente questione di tempo.

Le cose, infatti, sono destinate peggiorare nel corso della vigilia del weekend. Venerdì 23, infatti, l'ingerenza umida ed instabile atlantica si farà più invadente ed una vera e propria perturbazione punterà dritta verso il Bel Paese, andando a colpire con piogge e temporali soprattutto il Nord, ma coinvolgendo parzialmente anche i comparti più settentrionali della Toscana.
Nonostante un quadro meteorologico migliore al Centro-Sud, una più diffusa nuvolosità, soprattutto ad appannaggio delle regioni centrali e della Sardegna, sarà il segnale inequivocabile di un più generalizzato peggioramento atteso nel corso del prossimo weekend. (iLMeteo)