• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Ministero Istruzione Delegazione Bielorussa visita la Sardegna

Sardegna

CAGLIARI, 18 OTTOBRE 2013 - La delegazione guidata dal Primo Vice Ministro dell’Istruzione e composta da Rettori e Pro Rettori di alcune università del paese è stata in Sardegna dal 15 al 17 ottobre per la firma di un accordo di collaborazione fra l’Università degli Studi di Cagliari e il Centro Relazioni Internazionali del Ministero dell’Istruzione Bielorusso.

Inoltre i rappresentanti del mondo accademico bielorusso hanno visitato alcuni dipartimento della Facoltà di Ingegneria dell’Ateneo cagliaritano e il Policlinico Universitario.

INCONTRO CON IL VICE PRESIDENTE DELLA REGIONE SARDEGNA

Il Primo Vice Ministro dell’Istruzione e l’intera delegazione accompagnati dal Console onorario Bielorusso in Cagliari Giuseppe Carboni sono stati ricevuti dal Vice Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Simona De Francisci.

Nel corso del cordiale incontro il Vice Ministro Zhuk ha voluto ancora una volta sottolineare la profonda riconoscenza nei confronti delle famiglie sarde che con grande amore hanno accolto e continuano ad ospitare nelle proprie case migliaia di bambini bielorussi nell’ambito del Progetto Chernobyl e ha rinnovato l’apprezzamento dell’impegno sardo nel settore della cooperazione internazionale sostenuta dalla LR 19/96 che vede, da parecchi anni, operare con successo a Minsk l’Ente di Formazione Sardegna Global che ha formato oltre 3.000 giovani specialisti bielorussi nel settore edilizio con una altissima percentuale di inserimento lavorativo.

Proprio l’attenzione alle giovani generazioni, è uno degli elementi che contraddistingue i rapporti sardo-bielorussi, che partiti dall’accoglienza dei bambini, si sono allargati al settore della formazione professionale ed oggi si estendono alla collaborazione universitaria.

Ma oggi i settori di interazione si stanno allargando anche al settore economico dove la partecipazione della Bielorussia all’Unione Doganale con la Federazione Russa e il Kazakistan offre uno straordinaria opportunità al mondo economico-imprenditoriale sardo di entrare in contatto con vasto mercato di grande interesse e potenzialità. (in allegato foto dell’incontro)
I temi di reciproco interesse sono poi stati approfonditi nel corso di incontri in alcuni assessorati regionali:

ASSESSORATO REGIONALE DELL’INDUSTRIA (sotto link al comunicato dell’Assessorato dell’Industria):
http://www.regione.sardegna.it/j/v/13?s=240995&v=2&c=392&t=1

ASSESSORATO REGIONALE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

L’incontro con l’Assessore Mariano Ignazio Contu è stato lungo e approfondito: la presenza degli esponenti del mondo accademico bielorusso ha permesso di affrontare in maniera diretta ed efficace il tema dell’Alta Formazione e di una auspicabile collaborazione didattica anche degli atenei della Repubblica Belarus nei percorsi formativi “Master in Sardegna” promossi dall’Assessorato Regionale.

E stata inoltre auspicata la partecipazione anche di studenti bielorussi in tali master specialistici. I contatti instaurati fra i sistemi universitari dei due territori sono stati valutati da ambo le parti un vero e proprio plusvalore capace di positive ricadute anche nel settore dell’economia.

La parte bielorussa, ha ribadito la soddisfazione per il successo del progetto di cooperazione nel campo della formazione professionale promosso a Minsk dalla Regione Sardegna grazie alla LR 19/96, e ha auspicato un ulteriore ampiamento delle professionalità oggetto dei corsi tenuti nella capitale della Repubblica Belarus.
I rapporti fra Sardegna e Bielorussia, non possono prescindere dallo straordinario movimento di solidarietà concreta che vede protagoniste migliaia di famiglie che con amore accolgono i bambini bielorussi nei cosiddetti “Progetti Chernobyl”.

L’Assessore Contu ha sottolineato l’importanza del rafforzamento dei legami culturali con la Sardegna di questi bambini ed ex bambini che attraverso i ripetuti soggiorni nelle famiglie sarde sono diventati profondi conoscitori delle tradizioni e della cultura dell’Isola. Gli scambi culturali sono un elemento essenziale per la promozione di contatti e progetti fra i territori. [MORE]


Notizia segnalata dall’ufficio stampa del Comune di Cagliari