• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

'Ndrangheta: inchiesta "Thomas" indagato ex vicepresidente Regione Calabria

Calabria > Catanzaro

'Ndrangheta: indagato ex vicepresidente Regione Calabria Da inchiesta "Thomas" emerso traffico di influenze illecite 

CROTONE, 15 GEN - La Dda di Catanzaro, nell'ambito dell'inchiesta "Thomas", ha emesso un'informazione di garanzia nei confronti di Nicola Adamo, ex vicepresidente della Regione Calabria. 

Nel corso delle indagini che hanno portato all'operazione di stamattina, con l'esecuzione di tre arresti da parte della Guardia di finanza di Crotone, "sono stati acquisiti elementi - riferisce una nota stampa della Dda - relativi a un traffico di influenze illecite. 

Asse di congiunzione fra i diversi ambienti della società calabrese era il presidente della Banca di credito cooperativo del Crotonese Ottavio Rizzuto", che é una delle tre persone arrestate nel corso dell'operazione. In tale contesto, informazioni di garanzia sono state notificate a Nicola Adamo ed a Giuseppe Tursi Prato, ex consigliere della Regione Calabria, "già condannato nel 2004 - é detto nel comunicato della Dda - per vari reati, fra cui quello di associazione mafiosa, per il reato di traffico di influenze illecite (art.346 bis del Codice penale".

Aggiornamento

Quattro appartenenti al Corpo della Guardia di finanza sono indagati nell'inchiesta "Thomas" sui presunti condizionamenti della cosca di 'ndrangheta Grande Aracri sulle attività del Comune di Cutro, nel Crotonese. Lo riferisce una nota stampa della Dia di Catanzaro. "Ulteriori elementi probatori tratti dall'indagine - é detto nel comunicato della Dda - afferiscono condotte delittuose attuate da quattro appartenenti al Corpo della Guardia di Finanza, in servizio e in congedo, che, attraverso l'abusiva consultazione delle banche dati in uso al Corpo, attingevano informazioni riservate ovvero coperte dal segreto istruttorio in favore di terzi soggetti, provvedendo ad informarli su attività di polizia giudiziaria o economico finanziaria in itinere, compiendo, altresì, gravi omissioni, non denunciando reati in corso di attuazione ovvero fatti suscettibili di approfondimenti investigativi".