Padova, sindaco e assessore denunciati per istigazione a delinquere

22
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PADOVA, 4 LUGLIO 2014 – Il sindaco di Padova Massimo Bitonci e l’assessore alla Sicurezz...

PADOVA, 4 LUGLIO 2014 – Il sindaco di Padova Massimo Bitonci e l’assessore alla Sicurezza Maurizio Saia sono stati denunciati per istigazione a delinquere. La denuncia è stata presentata da alcuni gruppi di attivisti sociali: a loro avviso alcune dichiarazioni dell'assessore su quello che dovrebbero fare i vigili urbani nei confronti di mendicanti, prostitute e venditori abusivi sarebbero risultate troppo violente. Il nome del primo cittadinno sarebbe stato coinvolto quale responsabile della Giunta.

Le associazioni firmatarie della denuncia sono Razzismo stop, Beati i Costruttori di Pace, Giuristi democratici, Avvocati di strada, Antigone, Altra Agricoltura e Bio Lab, che si sono rivolti alla Procura sostenendo che alcune dichiarazioni di Saia potrebbero istigare al «sequestro di persona». Le parole contestate risalgono ad alcuni giorni fa: Saia parlando di mendicanti, prostitute e venditori abusivi aveva invitato gli agenti di polizia municipale a «portarli al comando, procedere con il fotosegnalamento, fare un verbale e tenerli lì il più a lungo possibile. Devono perdere la giornata di lavoro, perché questo è il deterrente».

Federica Sterza

InfoOggi.it Il diritto di sapere