Petruzzelli: pignoramento teatro per debiti Messeni Nemagna

624
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BARI, 6 APRILE - Un atto di pignoramento immobiliare di una quota del teatro Petruzzelli di Bari pen...

BARI, 6 APRILE - Un atto di pignoramento immobiliare di una quota del teatro Petruzzelli di Bari pende dinanzi al giudice dell'esecuzione del Tribunale di Bari, per un credito di circa 1 milione di euro vantato dall'ex legale di Vittoria Messeni Nemagna, una degli eredi dei proprietari del teatro. A darne notizia è l'avvocato Ascanio Amenduni, co-difensore della famiglia nei contenziosi contro il Comune sulla proprietà del politeama barese. Questa vicenda è, secondo Amenduni, "la prova del nove della proprietà in capo alla famiglia Messeni Nemagna e della improduttività degli effetti giuridici della delibera politica del Consiglio comunale del 2010". Il legale torna così a commentare la sentenza di due giorni fa del Tribunale Civile di Bari che, dichiarando inammissibili tutte le domande degli eredi del teatro, stabiliva la legittimità della delibera con la quale il Comune, dichiarando nullo il precedente protocollo d'intesa del 2002, stabiliva la proprietà del teatro in capo al Comune. "La suddetta delibera - continua il legale - non è trascrivibile né è stata trascritta presso la Conservatoria dei registri immobiliari, tanto è vero che la sua esistenza non ha impedito il pignoramento immobiliare, sulla quota del Teatro, di una di una delle comproprietarie, tutt'ora in corso, con tanto di nomina di un Custode Giudiziario già nominato". Il giudice dell'esecuzione ha incaricato anche un ingegnere di stimare il valore dell'edificio teatrale ai fini del pignoramento. "Viceversa, è bene ricordare a tutti, - conclude l'avvocato Amenduni - che la Corte Costituzionale nel 2008 ha annullato l'esproprio del Teatro Petruzzelli disposto addirittura con decreto legge, ed è questo l'unico provvedimento giudiziale, regolarmente trascritto a cura dello stesso Comune, che fa stato, al momento"

InfoOggi.it Il diritto di sapere