Ritrovata in Francia la 15enne Amina Charouk

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
SIENA, 10 SETTEMBRE 2013 - Amina Charouk, quindicenne, era scomparsa il 31 Agosto da Colle Val d'Els...

SIENA, 10 SETTEMBRE 2013 - Amina Charouk, quindicenne, era scomparsa il 31 Agosto da Colle Val d'Elsa in provincia di Siena. L'adolescente si è allontanata da casa spiegando ai genitori che si sarebbe recata a studiare a casa di un'amica, ma così non è stato.

Il giorno successivo è giunta una segnalazione dalla stazione Santa Maria Novella di Firenze, che però non ha trovato riscontro. In seguito, le autorità hanno scoperto che il telefono cellulare di Amina Charouk agganciò una cella telefonica di Volterra, in provincia di Pisa, proprio in data 1 Settembre.

Dalle prime ricostruzioni era dunque chiaro che la ragazzina stesse fuggendo da Colle Val d'Elsa. I genitori hanno riferito che era particolarmente preoccupata per gli esami scolastici di riparazione, fissati per il mese di Settembre e, forse per timore di non superarli, la quindicenne si è allontanata.

Anche Elena Angrisani, quindicenne residente a Chieri, in provincia di Torino, è scomparsa il 31 Agosto ed aveva conosciuto Amina Charouk tramite Facebook. Ai familiari aveva manifestato l'intenzione di andare a trovare l'amica in Toscana, pertanto, le due scomparse sono state immediatamente collegate: Amina ed Elena erano fuggite insieme.

Nella tarda serata di ieri è stato reso noto che Amina Charouk è stata ritrovata in Francia e che farà ritorno a casa quest'oggi, insieme al padre che, da quanto si apprende, sarebbe già partito da Colle Val d'Elsa per raggiungere la figlia. Non è chiaro se anche Elena Angrisani sia stata trovata, ma il sito web del programma Rai "Chi l'ha visto?" ha eliminato le schede di entrambe.Per questa ragione, si ipotizza dunque che la quindicenne di Chieri si trovasse in compagnia di Amina Charouk.

(In foto una veduta di Parigi, Francia, da stile.it)

Seguici anche su Facebook

Alessia Malachiti

InfoOggi.it Il diritto di sapere