Rubrica Bufala e Curiosità: l'Astrologia

49
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
In questo primo articolo della “Bufala e curiosità” parleremo della bufala per ec...

In questo primo articolo della “Bufala e curiosità” parleremo della bufala per eccellenza ovvero l’astrologia.
Qui di seguito troverete una rapida scheda che sintetizza come l’astrologia non sia scienza, ma solo un pessimo modo per guadagnare disonestamente soldi. Sono stati scritti numerosi libri sull’argomento: in questo vi riassumiamo qualche spunto per eventuali analisi più approfondite.


Cosa è l’astrologia: l’astrologia (letteralmente “discorso sugli astri”) è un insieme di credenze, abitudini, convinzioni secondo cui il carattere, le azioni e l’avvenire di persone, industrie e nazioni possono essere predette in base alla posizione e alle congiunzioni degli astri. Con rudimentali effemeridi (cataloghi in cui vengono riportare posizioni, magnitudini e principali caratteristiche di stelle e pianeti) gli astrologi elaborano gli oroscopi, sulle quali sono riportate le posizioni dei corpi celesti e il loro influsso nella vita quotidiana. Senza un’apparente spiegazione, una grande importanza è assegnata all’eclittica, il cammino del Sole nel suo moto apparente intorno alla Terra. L'eclittica è stata suddivisa in 12 sezioni, cui corrispondono altrettante costellazioni, dette segni dello Zodiaco (Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci), a ciascuna delle quali gli astrologi assegnano un simbolo cui viene associato un particolare insieme di caratteristiche umane. Quando gli astrologi stabiliscono l'appartenenza di una persona a un determinato segno (al "Leone" o ai "Pesci", ad esempio) si riferiscono al segno che il Sole occupava al momento della nascita di quella persona. L'oroscopo è anche suddiviso in 12 "case", le quali costituiscono il periodo di 24 ore durante il quale la Terra compie una rotazione completa attorno al proprio asse. Ogni casa ha attinenza con un dato aspetto della vita di una persona, come matrimonio, salute, lavoro, viaggi ecc.; gli astrologi elaborano le predizioni interpretando la posizione dei corpi celesti nei segni e nelle case dell'oroscopo.


La differenza tra posizione e inclinazione: la base dell’astrologia è il segno zodiacale. Precisiamo che il segno zodiacale è il frutto della fantasia più elementare. Osservando il cielo e scegliendo quattro o cinque stelle è possibile formare qualsiasi tipo di figura (provare per credere). Stelle che apparentemente formano la figura di un aspirapolvere difficilmente rappresentano un segno che indica di pulire casa: la volta celeste non è un post-it. Inoltre abbiamo detto che, secondo gli astrologi, il giorno in cui si nasce è legato alla posizione in cui si trova la Terra nell’orbita: ma questo non dipende dalla posizione intrinseca delle stelle, ma dall’ inclinazione dell’asse terrestre rispetto al piano dell’orbita che la Terra descrive ruotando attorno al Sole. Inclinazione e posizione vanno nettamente distinte: le stelle si stanno muovendo attorno al centro galattico cosi come il Sole, ma la Terra si sta muovendo attorno al Sole, ergo la posizione delle stelle è completamente scollegata dall’inclinazione, ovvero dal nostro modo di osservare il cielo.


Le costellazioni cambiano forma nel tempo Dato che la posizione reciproca fra le stelle cambia nel tempo allora anche la loro proiezione sulla sfera celeste può dare una figura diversa e così se prima vedevate un aspirapolvere un giorno potrà comparire una padella: il vostro futuro è in una frittata?


Precessione degli equinozi: questo concetto è completamente ignorato dagli astrologi. Il giorno e il mese nell’oroscopo vengono determinati dalle stagioni (e quindi dall’inclinazione dell’asse terrestre), non dalla posizione in cui si trova la Terra nella sua orbita. Se non ci fosse la precessione degli equinozi, il terzo movimento della terra, sarebbe corretto dire che non cambia mai il legame esistente tra la data di nascita e il segno zodiacale. Invece esso cambia ogni 2200 anni circa, in senso retrogrado (orario), passando cioè da un segno zodiacale a quello precedente. Questo vuol dire che, quando la Terra ha percorso un giro nell’orbita attorno al Sole, l’inclinazione corrispondente allo stesso punto nell’orbita è spostata di quattordici millesimi di grado. A conti fatti vien fuori che coloro i quali volessero continuare a credere nell’oroscopo dovrebbero almeno sapere che il segno zodiacale non è quello di cui tutti parlano, ma quello corrispondete a due segni prima.
Le stelle sono fucine di reazioni termonucleari: da loro arriva radiazione elettromagnetica che, in qualche modo, può essere studiata per capire il loro funzionamento. Anche la forza gravitazionale, l’unica interazione che agisce fra noi e loro, è talmente ridotta a causa delle grandi distanza, che non influenzano minimamente il nostro moto. La radiazione del Sole, invece, ha un impatto molto più forte sulla Terra: ha permesso lo sviluppo della vita; così come l’interazione della Luna che genera l’innalzamento e l’abbassamento delle maree, molto importante per numerosi cicli vitali e anche per l’agricoltura. L’interazione degli astri, quindi è fondamentale per molti aspetti, ma particelle come fotoni, neutrini, elettroni e protoni non hanno influenza sul nostro destino: permettono la nostra esistenza, ma non portano informazione sul nostro futuro, anzi, viceversa, lo fanno del nostro passato. Ci rivelano quali processi hanno portato alla loro formazione e quali sono state l’evoluzione degli astri nel corso delle ere cosmiche. Tutti argomenti che si possono discutere in termini scientifici, non di certo seguendo le usanze e le credenze astrologiche.


Il futuro è deciso dalla volontà degli uomini: neanche immensi fuochi accessi nell’oscurità da miliardi di anni come le stelle possono contraddire le nostre decisioni. Se abbiamo ancora conservato la nostra libertà non facciamocela condizionare da semplici supposizioni: smettiamo, dunque, di leggere gli oroscopi.

 

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere