• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

#Sanremo2015, ancora record di ascolti per la serata di cover. Trionfa Nek e l'anestetico di Arisa

Liguria

SANREMO, 13 FEBBRAIO 2015 - Il Festival di Carlo Conti si conferma un successo anche nella serata dedicata alle cover. Sono stati ben 10 milioni e 586 mila gli spettatori che hanno seguito la terza puntata del Festival dove a brillare sono state le canzoni che hanno segnato una parte della storia della musica italiana.

#Sanremo2015, tra i giovani vincono Giovanni Caccamo e Amara

Prima dell’omaggio alla musica italiana, Carlo Conti ha presentato le altre quattro giovani proposte che a gruppi di due si sono sfidati in un’eliminazione diretta per la finalissima di questa sera.
Giovanni Caccamo, nuova scoperta della Caselli, ha stravinto su Serena Brancale, mentre Carlo Conti nel momento di proclamare la seconda vincitrice ha messo a segno la prima gaf della serata pronunciando il nome sbagliato. Il conduttore di Tale e Quale Show ha alzato il braccio di Amara per poi dire “Passa il turno Rakele”.[MORE] 

#Sanremo2015, nella serata nostalgia cover vince Nek 

Nella sfida delle cover ha trionfato Nek con una versione rock moderna di “Se telefonando”, brano cantato da Mina nel 1966. Secondi classificati Il Volo con “Ancora” e al terzo posto l’emozionante interpretazione di “Sarà per te”, brano di Francesco Nuti, presentato da Marco Masini.
Quarto posto per “Una carezza in un pugno” versione rap-moderna di Moreno ed infine al quinto posto i Dear Jack con la bellissima “Io che amo solo te”.

A Nek, vincitore della serata, è stato consegnato il garofano cover, un premio speciale ideato e studiato proprio per questa serata.
Tra le altre cover proposte durante la serata hanno convinto Annalisa con “Ti Sento”, Irene Grandi con “Se Perdo Te”, Anna Tatangelo con “Dio come ti amo”, Gianluca Grignani con "Vedrai vedrai", Malika Ayane con “Vivere” e il duo Platinette - Di Michele con “Alghero”.

Tra gli ospiti internazionali hanno brillato gli Spandau Ballet tornati sul palcoscenico dell’Ariston a trenta anni esatti di distanza dalla loro ultima performance. Dallo spazio, invece, il collegamento con l’astronauta Samantha Cristoferetti.
Il momento comico della serata è stato affidato al duo Luca e Paolo, che con un brano parodia hanno omaggiato e ricordato alcuni personaggi dello spettacolo italiano non convincendo però il pubblico e scatenando le polemiche del web.
Ha fatto sicuramente più divertire il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero tanto da spingere Carlo Conti a sottolineare “ Non è Crozza. E’ l’originale”. Prima di andare via la viperette, come è stato etichettato molti anni fa, ha ricordato la sua canzone “Vita spericolata” regalando al pubblico in sala e da casa una performance davvero originale e divertente.

Momento clou della serata, nulla contro la bravissima Emma Marrone e l’inclassificabile Rocio Munoz Morales, è stata l’uscita di Arisa che, inconsapevole della differenza tra un anestetico ed un antidolorifico ha letteralmente vinto la serata del Festival!

Appuntamento a questa sera con la quarta puntata del Festival che entra davvero nel vivo della competizione con la proclamazione del vincitore della categoria Giovani e dei quattro big eliminati.

Emanuele Ambrosio

(foto: criticolandia.com)