Svolta in Forza Italia: Berlusconi affida il partito a Toti e Carfagna

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 20 GIUGNO – Mara Carfagna e Giovanni Toti coordineranno la riorganizzazione del partito fond...

ROMA, 20 GIUGNO – Mara Carfagna e Giovanni Toti coordineranno la riorganizzazione del partito fondato da Berlusconi nel 1994, in vista del congresso che si terrà entro la fine dell’anno, allorquando tutte le cariche forziste diverranno elettive. L’annuncio è arrivato direttamente dall’ex Cav, tramite una nota ufficiale diffusa nel corso di una riunione congiunta fra i gruppi parlamentari di FI in una sala riunioni di Palazzo Madama.

“Ho ritenuto opportuno, dopo aver sentito molti di voi, delegare alla vicepresidentessa della Camera Mara Carfagna e al Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, la responsabilità di coordinare l’organizzazione del partito sulla base delle mie indicazioni e di curare anche il coordinamento di un gruppo al quale verrà affidato l’incarico di redigere una proposta di modifica statutaria da presentare al congresso nazionale che si terrà entro la fine di quest’anno” – sono le parole scelte da Berlusconi per comunicare la sua decisione ai parlamentari azzurri. La proposta di modifica statutaria, più in particolare, sarà elaborata sotto la direzione del vicepresidente Antonio Tajani ed ai capigruppo Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini.

Berlusconi sarebbe stato convinto dalle continue ed insistenti pressioni dei membri più influenti del suo partito, in particolare da parte dello stesso Giovanni Toti, il quale continua anzi ad invocare elezioni primarie immediate. “Credo che il presidente Berlusconi abbia finalmente compreso l’esigenza di uno shock vero nel campo moderato del centrodestra – ha dichiarato il Governatore ligure, che ha però aggiunto la necessità di “ridiscutere tutto: la linea politica, le parole d’ordine, anche il nome di Forza Italia”. Per Toti, “se la scelta di Berlusconi è di proporre un coordinamento del partito a me e a Mara, che con toni e posizioni molto diverse siamo stati quelli che hanno sottolineato di più l’esigenza di un cambiamento, credo che un percorso si possa fare, purché si vada verso primarie aperte e tempi certi per il congresso nazionale e quelli locali. L’obiettivo dev’essere quello di costruire una casa che sia accogliente per tutti i moderati”.

Più pacati i toni della reazione dell’ex ministro per le pari opportunità: “Ringrazio il Presidente Silvio Berlusconi per la fiducia che mi ha espresso e per la lungimiranza con cui apre una fase nuova del nostro partito, senza calpestare ma anzi rendendo onore alla nostra storia” – ha dichiarato Mara Carfagna, per poi annunciare ai suoi colleghi di partito la volontà di mettersi “al lavoro già da domani per riempire di contenuti e proposte questa nuova fase. Per questo, invito tutti i dirigenti, i militanti, i semplici iscritti a riattivare la loro partecipazione alla vita del partito: mai come ora servono le energie di tutti”. La neo-coordinatrice ha infine aggiunto di non aver mai avuto dubbi sulle capacità reattive di Forza Italia, ma ha esortato tutti i suoi colleghi a rimboccarsi le maniche e ricompattarsi per garantire un futuro allo schieramento azzurro.


Francesco Gagliardi


Fonte immagine: tgcom24.mediaset.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere