• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Terremoto. Terrore tra Ragusa e Siracusa, Magnitudo 4.6

Sicilia > Ragusa

Una forte scossa di terremoto è stata registrata pochi minuti fa in Sicilia. La scossa, di magnitudo 4.6 secondo i dati riportati dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), è stata localizzata nella zona di Ragusa alle 21.27 di oggi, martedì 22 dicembre. Stando alle prime segnalazioni apparse sui social, il sisma è stato avvertito in gran parte dell'isola. "Mi trovo sulla costa tirrenica in provincia di Messina e abbiamo avvertito anche qui la scossa in maniera lieve", scrive un utente su Twitter. "Percepito a Catania, ondulatorio", commenta un altro. "Da Catania (terzo piano) qui avvertito fortissimo, e anche lunghissimo, mi è sembrato durasse almeno mezzo minuto se non di più, oscillava tutta la parete attrezzata e sono caduti alcuni oggetti, gatti atterriti sono corsi a nascondersi", un'altra testimonianza. La scossa di terremoto è stata avvertita anche dalla popolazione a Palermo. "Sentita ad Avola, Siracusa, gran botta", si legge tra le varie segnalazioni giunte in questi minuti dalla Sicilia. A Siracusa i mobili si sono mossi.

Per ora non si segnalano danni in Sicilia – La terra ha tremato in Sicilia per una quindicina di secondi. Il sisma è stato nettamente avvertito nel Ragusano, nel Siracusano e nel Catanese. L'epicentro è stato localizzato nella costa ragusana, nei pressi di Scoglitti, a una profondità di 30 chilometri, con coordinate geografiche (lat, lon) 36.92, 14.37.  Al momento, il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì, ha affermato che non sono stati segnalati danni. Vittoria, Acate, Santa Croce Camerina e Gela i Comuni entro i 20 km dall'epicentro del terremoto. La Sala Situazione Italia della Protezione civile è in contatto con le strutture locali: sono in corso verifiche. Le sale operative dei vigili del fuoco hanno ricevuto finora solo chiamate per informazioni e nessuna richiesta di soccorso né segnalazioni di danni. Lo scrivono i vigili del fuoco su Twitter. (Fanpage)